Sgarbi spiazza tutti: "Vogliono il mio posto? Non vado via, mi cacci Musumeci" | ilSicilia.it :ilSicilia.it

L'assessore regionale non se ne vuole proprio andare

Sgarbi spiazza tutti: “Vogliono il mio posto? Non vado via, mi cacci Musumeci”

di
16 Marzo 2018

“Se Musumeci pensa che io sia un assessore del cazzo che mi cacci lui. Io non mi dimetto. Almeno non adesso”. Così l’assessore regionale ai Beni culturali, Vittorio Sgarbi, che stamane non si è presentato ad una conferenza stampa da lui stesso convocata e che affida il proprio pensiero ad un’intervista resa al giornale online LiveSicilia.

“Proprio per questo non c’ero – spiega –. Mi sono rotto il cazzo di tutta questa prosopopea sulle mie dimissioni. Il patto tra Berlusconi e Musumeci era chiaro: me ne sarei andato soltanto quando fossi stato nominato ministro”.

Il 23 marzo ci sarà la seduta inaugurale della Camera dei deputati e “mi insedierò. Ma questo non significa che mi dimetterò entro quella data – aggiunge -. Prima dovrà riunirsi la Giunta per le elezioni e sancire la mia incompatibilità, poi avrò un mese di tempo per decidere. E solo allora, penso saremo già a maggio, potrei dimettermi”.

“Raffaele Stancanelli – prosegue Sgarbi – ha avuto tre anni per decidere tra Senato e Catania, perchè quindi Musumeci non mi riserva adesso lo stesso trattamento che ha riservato al suo migliore amico? Forse perchè gli serve il mio posto in giunta per tenere buona la sua maggioranza? Bene, allora che mi cacci lui”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

La rabbia e il giro del corridoio magico

Benvenuti nel mio “corridoio magico” dal quale mi auguro uscirete cambiati grazie all’induzione e all’attivazione dell’energia inconscia che rivoluziona e riassetta i processi spontanei di autoguarigione ed evoluzione
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.