Sgominata la mafia della movida a Messina, ecco i nomi degli arrestati :ilSicilia.it
Messina

NELL'AMBITO DELL'OPERAZIONE "FLOWER"

Sgominata la mafia della movida a Messina, ecco i nomi degli arrestati

5 Novembre 2019

L’operazione Flower, che ha visto sgominata l’organizzazione che imponeva i buttafuori ai locali della movida di Messina, inizia a mostrare i suoi primi frutti.

Le persone arrestate con l’accusa, a vario titolo, di rapina, lesioni, ed estorsione sono Giovanni Lo Duca, 49 anni, Giovanni De Luca, 30 anni, Kevin Schepis, 20 anni, Giuseppe Esposito, 27, Giovanni Gangemi, 45, Domenico, Mazzitello,27, Eliseo Fiumara, Andrea Fusco, 21, Placido Arena, 30, Antonino Rizzo, 37.

I primi sette vanno in carcere, gli altri tre ai domiciliari. Secondo quanto è emerso dalle indagini De Luca e Lo Duca erano i mandanti di pestaggi in alcuni locali poi commmessi da Schepis e altri per far assumere Gangemi e Mazzitello come addetti alla sicurezza.

Inoltre i titolari dei locali dovevano pagare per garantire la loro sicurezza e quella all’interno dei locali. Schepis, Esposito, Fiumara e De Luca devono rispondere anche in concorso di rapina e sequestro di persona perché i primi tre hanno messo a segno una rapina in un supermercato del quartiere cittadino Maregrosso, mentre De Luca ha fornito supporto logistico. Armati e con il volto coperto hanno preso una guardia giurata in ostaggio, e hanno rubato 14 mila euro. Schepis ed Esposito avrebbero messo a segno un’altra rapina in una sala scommesse fuggendo con 3000 euro.

LEGGI ANCHE

Imponevano i buttafuori ai locali della movida, blitz antimafia a Messina

© Riproduzione Riservata
Tag:
Il cielo di Paz
di Mari Albanese

Lettera di un’adolescente dalla sua quarantena

Oggi la mia rubrica ospita una lettera molto intensa scritta da un’adolescente che ci narra i suoi giorni di quarantena. Osservare la vita attraverso i social e distanti dagli affetti più importanti per i giovanissimi è stato molto faticoso. Possono i libri aiutare a lenire la solitudine?
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.