Si avvicina il 5 novembre, De Poli: "Restituite ai vostri figli una grande terra" :ilSicilia.it

Regionali 2017

Si avvicina il 5 novembre, De Poli: “Restituite ai vostri figli una grande terra”

di
3 Novembre 2017

Il senatore Antonio De Poli, in Sicilia per l’ultimo rush finale in vista dell’imminente voto, dopo l’incontro a Catania con il leader Silvio Berlusconi, per un centro destra unito a sostegno di Nello Musumeci, ha definito le azioni prioritarie da attuare in Sicilia.

La Regione – ha spiegato il presidente nazionale dell’Udc De Poli – oggi si ritrova in ginocchio schiacciata dall’incapacità Politica gestionale ed amministrativa. Non possiamo più permetterlo. Ma soprattutto perché il prossimo governatore si troverà a gestire miliardi di euro: Fondi UE, Patto per la Sicilia, investimenti di Anas, RFI e disavanzo di bilancio. In ballo circa 10 miliardi di euro. Per questo non possiamo consegnare la Regione all’inesperienza e incompetenza. Il prossimo governo tra l’altro dovrà dimostrare grande capacità gestionale rimodulando circa 4 miliardi di euro del programma operativo europeo del 2014 – 2020. Inoltre la nuova giunta si dovrà confrontare ancora con la fase degli appalti intervenendo come ente di controllo su investimenti nel settore delle infrastrutture per un importo pari a circa 3 miliardi di euro (da qui al 2022).  

Pe il senatore De Poli “Il prossimo governo dunque, ha tutti i numeri per poter garantire occupazione, concreto sviluppo economico sociale, perché le risorse ci sono. Il nostro partito, infatti si impegnerà tra l’altro a rimodulare i criteri di spesa perché la finanziaria non è stata approvata dalla giunta Crocetta”

Inoltre, sulla base al report pubblicato oggi da Istat, che ha reso noti i dati dei comuni italiani, il senatore dell’Udc ha ribadito che “Palermo è l’ultima in classifica per crescita degli arrivi tra il 2014 ed il 2016, avendo registrato un meno 12, 7 per cento”.

“Un dato allarmante – ha aggiunto –  se consideriamo il ricco patrimonio artistico culturale della città coniugato all’eccellenza gastronomica ed al fatto che è tra le regioni d’Italia con il maggior numero di siti riconosciuti nel patrimonio Unesco”.

Creeremo una Sicilia onesta e libera, figlia degli ideali difesi da Falcone e Borsellino e Don Puglisi. Ricordatevi  – ha concluso – che lo sviluppo socio economico della Sicilia ed il futuro dei vostri figli dipende da voi, dalle vostre scelte consapevoli. Ed è per questo che vi invito a votare onesta, capacità ed efficienza. Ispirato dalle parole del Presidente Americano John Fitzgerald Kennedy, chiedetevi cosa potete fare voi? Sarete i protagonisti del cambiamento: il 5 novembre avrete un potere: scegliere il riscatto e restituire ai vostri figli una grande terra.”

© Riproduzione Riservata
Tag:
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

Dalle 700 bare ai Rotoli alla vita eterna!

Il progetto del cimitero da realizzare a Ciaculli risale al 2007, ben 13 anni or sono. Nel 2012 viene inserito nel piano triennale delle opere pubbliche del comune di Palermo, ma senza un euro di finanziamento
Politica
di Elio Sanfilippo

La politica, la storia e l’entusiasmo di zio Emanuele

Ci sarà tempo per ricordare la figura di Emanuele Macaluso, il suo impegno politico per liberare dal bisogno e dalla sofferenza la gente più povera e indifesa, migliorare le condizioni di vita dei lavoratori, tutelando diritti e dignità

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin