Si celebra il valore di un bene comune a Castelbuono con "La stanza delle meraviglie" | FOTO :ilSicilia.it
Palermo

per il centenario dell’acquisizione del Castello dei Ventimiglia

Si celebra il valore di un bene comune a Castelbuono con “La stanza delle meraviglie” | FOTO

di
24 Luglio 2020

Guarda la gallery in alto

Condivisione e memoria storica.

Questo è il concept de “La Stanza delle Meraviglie”, un’esposizione nata per celebrare il valore di un bene comune attraverso l’acquisizione del Castello dei Ventimiglia.

“Il bene di una comunità è un bene comune solo se rispetta la dimensione soggettiva e riconosce la dignità delle singole persone, la cui storia altrimenti rischia di essere cancellata e dimenticata”, spiega Maria Rosa Sossai.

Il Castello, infatti, venne acquistato nel 1920 a un’asta giudiziaria grazie a una colletta pubblica voluta dal sindaco di allora, Mariano Raimondi.

L’inaugurazione è prevista per giovedì 30 luglio, ore 18, al Museo Civico di Castelbuono e potrà essere visitata fino al 28 marzo prossimo.

La Stanza delle Meraviglie

Maria Rosa Sossai

L’esposizione fa parte del progetto L’Asta del 1920 curato da Maria Rosa Sossai. La realizzazione è stata possibile grazie alla collaborazione con Angelo Cucco e alla partecipazione di tutto il paese delle Madonie.

In mostra vi sono più di 200 oggetti prestati da singoli cittadini, associazioni, scuole, confraternite. Tutti coinvolti attivamente nel progetto che rende protagonista una intera comunità che condivide da un secolo lo stesso valore identitario.

Gli oggetti, tra i più vari e disparati, risalgono quasi tutti alla prima metà del ‘900. Verranno disposti seguendo la suggestione delle Wunderkammer (stanza delle meraviglie) che nel ‘600 e nel ‘700 custodivano collezioni di oggetti unici, eccentrici e preziosi.

Infatti, “attraversare i tre ambienti de “La Stanza delle meraviglie” comporta l’attraversamento di un secolo di vita di una comunità – spiega la curatrice – . Come in un film, il tempo si contrae e corrisponde al tempo dei passi che attraversano le stanze, a quello dello sguardo del visitatore che si posa sugli oggetti e che li può riconoscere oppure no e creare intorno ad essi delle nuove storie fatte di relazioni tra passato e presente”.

Laura Barreca

L’iniziativa

“Nel 2019, il Museo Civico di Castelbuono ha dato il via a un progetto partecipativo per riflettere sul senso di appartenenza e responsabilità civica”.

A spiegarlo è il direttore del Museo Laura Barreca, il quale evidenzia che: “Con “L’asta del 1920” e la mostra, abbiamo sperimentato un format inedito per dialogare con il pubblico del museo, per attivare sinergie virtuose con la collettività”.

Mario Cicero

“L’esposizione è il frutto di un processo di partecipazione. Essa rappresenta il riconoscimento del ruolo che diamo alle istituzioni all’interno della nostra comunità. In essa attribuiamo grande valore alla creazione di reti di relazioni e alla logica della coesione istituzionale attraverso la quale valorizzare i beni culturali”, dice il sindaco di Castelbuono, Mario Cicero.

“Castelbuono fa parte della rete dei Castelli di Sicilia e dei Borghi Autentici d’Italia. Essi oggi incarnano quello che molti paesaggisti e architetti individuano oggi come i luoghi-simbolo di un futuro ecosostenibile, ovvero l’idea di un bene comune”, conclude.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.