Si celebrano 20 anni dal primo trapianto fegato in Sicilia :ilSicilia.it
Palermo

giovedì 11 luglio a Villa Zito

Si celebrano 20 anni dal primo trapianto fegato in Sicilia

di
9 Luglio 2019

Si svolgerà giovedì 11 luglio presso la Fondazione Banco di Sicilia (Villa Zito, via della Libertà 52) la cerimonia per celebrare i vent’anni dal primo trapianto di fegato eseguito in Sicilia presso IRCCS ISMETT di Palermo. La manifestazione si svolgerà a partire dalle ore 11.

Previsti, fra gli altri, gli interventi del Presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, dell’Assessore Regionale alla Sanità, Ruggero Razza, dei vertici di ISMETT e del partner americano University of Pittsburgh Medical Center (UPMC).

Il giorno successivo, venerdì 12 luglio, sempre i locali della Fondazione Banco di Sicilia ospiteranno un convegno scientifico dal titolo “Immaginare il futuro del trapianto di fegato: costruire su 20 anni di esperienza all’ISMETT” a cui parteciperanno tutti i Direttori dei Centri Nazionali Trapianto di Fegato ed esperti internazionali.

Il convegno organizzato dall’IRCCS ISMETT e da UPMC, è accreditato per ECM e sarà accessibile – per medici e addetti ai lavori – anche in diretta streaming (www.ismettliver2019.com).

“Le celebrazioni del 20° anniversario del primo trapianto di fegato eseguito in Sicilia – sottolinea Angelo Luca, direttore di ISMETT – saranno un’occasione per fare il punto su quanto è stato fatto in questi anni, ma soprattutto per presentare lo stato dell’arte del cluster ISMETT/Ri.MED e i progetti che la Regione Siciliana, UPMC e la Fondazione Ri.MED hanno recentemente condiviso nel nuovo accordo-quadro decennale”.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.