Si corre nel cuore della Targa Florio: ecco la 4ª Floriopoli-Cerda :ilSicilia.it
Palermo

Appuntamento domenica 27 ottobre

Si corre nel cuore della Targa Florio: ecco la 4ª Floriopoli-Cerda

di
24 Ottobre 2019

Dopo un anno sabbatico, il prossimo fine settimana la Floriopoli-Cerda tornerà ad animare il cuore degli appassionati siciliani. Circa ottanta gli equipaggi iscritti alla gara automobilistica che si correrà sulle storiche strade della Targa Florio, in particolare sul tratto che collega gli storici box di Floriopoli, siti sulla SS120, al comune madonita di Cerda.

Domenica 27 ottobre dalle ore 9.00 il via della gara con le due manche di ricognizione sui 6,15 km del percorso, immediatamente seguite dalle due manche di gara.

Per consentire lo svolgimento della gara, il tratto della SS120 su cui saranno impegnati i piloti sarà chiuso al traffico fino alla conclusione della manifestazione. La cronoscalata, valida quale duplice atto conclusivo dei Campionati Siciliani Salita auto storiche e moderne, vedrà, fra gli altri, la partecipazione anche della scuderia Project Team che, per l’occasione, schiererà al via tre portacolori.

automobilismoTra i modelli d’antan, riflettori puntati su Quintino Gianfilippo, sempre al volante della fida Alfa Romeo Alfetta Gt e attuale leader del 2° raggruppamento. Il driver di Caccamo, infatti, già protagonista dell’edizione 2017, si giocherà il tutto per tutto nell’imminente finale di stagione, con l’obbligo di centrare, come minimo, la quarta piazza di categoria per poter festeggiare matematicamente il titolo regionale.

Sarà della partita ma tra le vetture più attuali al seguito, altresì, Antonino Rotolo, chiamato di fatto a testare le nuove soluzioni apportate sull’Osella PA21 Junior Suzuki (mezzo col quale ha debuttato quest’anno). “Dopo la disputa della ‘Termini – Caccamo’, l’Osella è stata rivista a 360 gradi e approfitterò della ‘Floriopoli’ per proseguirne lo sviluppo in ottica 2020 – ha spiegato Rotolo alla vigilia – Me la consegneranno solo venerdì, rinnovata nella carena, così come nei rapporti e negli ammortizzatori. Vedremo“.

Lo schieramento sarà completato dall’esperto Salvatore Baratta, alla guida della Renault Clio Williams curata dalla Ferrara Motors. Appuntamento nel weekend sulle Madonie con la 4ª Floriopoli-Cerda.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.