Si costruisce un appartamento con i fondi pubblici, indagato imprenditore nel Messinese :ilSicilia.it
Messina

SEQUESTRATI BENI PER OLTRE 700.000 EURO

Si costruisce un appartamento con i fondi pubblici, indagato imprenditore nel Messinese

di
4 Ottobre 2019

Con i soldi pubblici si era pure costruito un appartamento privato. C’è anche questa fra le accuse mosse dalla Guardia di finanza, che ha denunciato un noto imprenditore di Barcellona Pozzo di Gotto, operante nel settore del movimento terra, per avere indebitamente percepito un contributo comunitario pari a 730 mila euro. Le indagini hanno riguardato il bando di sviluppo promosso dalla Regione Siciliana per gli anni 2007-2013, mirato al sostenimento degli investimenti e allo sviluppo di micro, piccole e medie imprese.

Il contributo, erogato a fondo perduto dallo Stato, avrebbe dovuto permettere l’acquisto di attrezzature aziendali ed il risanamento di un immobile. Ma le fiamme gialle hanno scoperto numerose irregolarità commesse dall’imprenditore: al posto di uno spogliatoio e della sala mensa per i dipendenti sarebbero stati creati, abusivamente, due uffici, nonché, nella parte sovrastante dell’edificio, l’appartamento destinato a fini privati dell’imprenditore.

Inoltre, i finanzieri hanno accertato come l’immobile, oggetto di ristrutturazione con i fondi pubblici, sarebbe stato realizzato in forza di titoli edilizi illegittimi, costituendo, di fatto, violazione penale in materia edilizia. Cosi’ l’autorità giudiziaria ha disposto il sequestro di denaro, titoli di credito, beni immobili e mobili, compresi numerosi terreni, dislocati tra i comuni di Terme Vigliatore, Rodi’ Milici e Barcellona, tutti riconducibili all’indagato.

Avanzata anche al gip presso il Tribunale di Barcellona richiesta di rinvio a giudizio per i reati di truffa aggravata ai danni dello Stato e di abuso edilizio.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Come andato questo giro?

Lo sanno tutti che qui tutto cambia affinché tutto rimanga come prima e per questo per avere una chance dopo aver perso, meglio non farsi nemico l’avversario
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin