Si costruisce un appartamento con i fondi pubblici, indagato imprenditore nel Messinese :ilSicilia.it
Messina

SEQUESTRATI BENI PER OLTRE 700.000 EURO

Si costruisce un appartamento con i fondi pubblici, indagato imprenditore nel Messinese

di
4 Ottobre 2019

Con i soldi pubblici si era pure costruito un appartamento privato. C’è anche questa fra le accuse mosse dalla Guardia di finanza, che ha denunciato un noto imprenditore di Barcellona Pozzo di Gotto, operante nel settore del movimento terra, per avere indebitamente percepito un contributo comunitario pari a 730 mila euro. Le indagini hanno riguardato il bando di sviluppo promosso dalla Regione Siciliana per gli anni 2007-2013, mirato al sostenimento degli investimenti e allo sviluppo di micro, piccole e medie imprese.

Il contributo, erogato a fondo perduto dallo Stato, avrebbe dovuto permettere l’acquisto di attrezzature aziendali ed il risanamento di un immobile. Ma le fiamme gialle hanno scoperto numerose irregolarità commesse dall’imprenditore: al posto di uno spogliatoio e della sala mensa per i dipendenti sarebbero stati creati, abusivamente, due uffici, nonché, nella parte sovrastante dell’edificio, l’appartamento destinato a fini privati dell’imprenditore.

Inoltre, i finanzieri hanno accertato come l’immobile, oggetto di ristrutturazione con i fondi pubblici, sarebbe stato realizzato in forza di titoli edilizi illegittimi, costituendo, di fatto, violazione penale in materia edilizia. Cosi’ l’autorità giudiziaria ha disposto il sequestro di denaro, titoli di credito, beni immobili e mobili, compresi numerosi terreni, dislocati tra i comuni di Terme Vigliatore, Rodi’ Milici e Barcellona, tutti riconducibili all’indagato.

Avanzata anche al gip presso il Tribunale di Barcellona richiesta di rinvio a giudizio per i reati di truffa aggravata ai danni dello Stato e di abuso edilizio.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

La rabbia e il giro del corridoio magico

Benvenuti nel mio “corridoio magico” dal quale mi auguro uscirete cambiati grazie all’induzione e all’attivazione dell’energia inconscia che rivoluziona e riassetta i processi spontanei di autoguarigione ed evoluzione
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.