Si fingeva tecnico dell'Enel: decine di anziani truffati a Palermo :ilSicilia.it

un giovane di 24 anni

Si fingeva tecnico dell’Enel: decine di anziani truffati a Palermo

22 Giugno 2019

È stato scoperto e arrestato a Palermo, da carabinieri e polizia, un giovane di 24 anni originario di Brindisi, Cristiano Pompei, accusato di aver truffato una trentina di anziani. Ora si trova ai domiciliari.

Pompei, mostrando un falso tesserino, diceva di essere un dipendente dell’Enel che doveva riscuotere il canone per la sostituzione del contatore e chiedeva da 200 a 300 euro, pena l’immediata sospensione della fornitura di energia.

Le indagini condotte dai carabinieri della stazione Crispi e dagli agenti del commissariato San Lorenzo sono state coordinate dal pm Maria Rosaria Perricone.

Le truffe sarebbero state messe a segno dal settembre 2018 al aprile di quest’anno. Oltre alle testimonianze dei truffati, per incastrare Pompeo sono servite anche le immagini dei sistemi di videosorveglianza dei condomini dove si recava.

Tag:
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Blog
di Renzo Botindari

Ci Vogliono Occhi Verdi

Ho avuto da sempre la convinzione che se non si amministra garantendo un minimo di dignità ad ognuno, non si riuscirà mai ad auspicarsi una crescita, ma la garanzia del minimo insieme alla libera competizione dei capaci si ottiene soltanto attraverso un governare “deideologizzato”.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.