15 agosto 2018 - Ultimo aggiornamento alle 11.49

Si può potenziare l’export siciliano invitando nell’Isola i partner stranieri

2 marzo 2018

Molto spesso ‘mandare a quel paese‘ colleghi o amici è un gesto liberatorio. Si esprime con un imperativo e un complemento di moto a luogo un sentimento di insoddisfazione.

In qualche modo, è lo stesso quando un’azienda manda un export manager o un agente ad esplorare opportunità di mercato all’estero. In quel momento, l’azienda sta metabolizzando il fatto che la domanda interna di un determinato bene non è abbastanza soddisfacente per l’offerta.

In Europa e in Italia questo avviene sempre più spesso. La magnifica offerta di beni che produciamo è troppo per i nostri consumatori e dobbiamo trovare altrove nuovi acquirenti.

genco oilLa Sicilia esporta dalla notte dei tempi. Solo per citare esempi famosi, il grano siciliano va a Roma dal terzo secolo a.c., il nostro vino va in giro per l’Europa dal 1300, e l’olio sbarca negli Stati Uniti alla fine del 1800.

Pensate anche alla Genco Puro Olive Oil fondata da Vito Andolini ne ‘Il Padrino‘. Siamo esportatori nati, niente da aggiungere.

Ma la questione è: ci siamo mai evoluti dalla figura del procacciatore d’affari o del commesso viaggiatore? Abbiamo le competenze per programmare, organizzare e trattare un processo che è divenuto molto complesso?

Ai posteri l’ardua sentenza… Intanto a noi piace l’idea che hanno avuto i ‘compari’ pugliesi del Consorzio Primitivo di Manduria. Non solo (m)andare a questo o a quel paese, ma anche invitare i potenziali acquirenti a vedere dove e come nasce un prodotto.

Il consorzio ha individuato una serie di buyer, provenienti sia da mercati maturi che da quelli emergenti, e li hanno invitati a recarsi nell’area di Manduria per assistere alla vendemmia, incontrare le aziende vinicole, partecipare a masterclass ed eventi di degustazione.

Gli elementi fondamentali di questa azione sono tre: avere un ottimo prodotto in una cornice eccezionale; fare rete con altre aziende; e investire un po’ per dare una grande ospitalità.

Noi crediamo che ci siano aziende e prodotti siciliani che non hanno nulla da invidiare a quelli pugliesi e stiamo pensando di organizzare anche noi prodotti_tipici_siciliani_093130delle missioni di incoming per buyer stranieri.

Immaginate di portare alcuni distributori asiatici a Erice o Favignana, di fargli incontrare le famiglie che producono, l’olio, il marsala, le conserve di tonno, i dolci di pasta di mandorla, di fargli vedere con che passione lo fanno e come loro siano i primi consumatori ed esperti.

Il successo è assicurato: apprezzeranno e compreranno. Noi vogliamo mettere al centro persone e prodotti e le aziende dovranno fare solo quello che sanno fare alla perfezione, produrre con passione.

A tutto il resto ci pensiamo noi. Se la nostra idea vi sembra quella giusta contattateci a [email protected]

Tag:
Libri e Cinematografo
di Andrea Giostra

“Giochi di potere” (2018) di Per Fly

Film di produzione Usa, Danimarca, Canada quanto mai attuale e contemporaneo. Ci sono delle domande potenti che il film innesca nella sua narrazione cinematografica. Sono tutte le domande alle quali la gente comune vorrebbe da sempre ricevere delle risposte vere.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Testamento d’estate

Carissimi, non venite a chiedere ad un ingegnere che cosa sono i “gradi di libertà”, fareste una pessima figura. Non venite a chiedere ad un uomo libero che cosa è la “libertà”, dovreste avere analoga pazienza per ascoltare la risposta.
Andiamo a quel Paese
di Valerio Bordonaro Marco Scaglione

Diario di Singapore – Seconda Parte

Opportunità di business per le aziende siciliane, sia nella grande distribuzione, sia in hotel, ristoranti e catering. A Singapore i prodotti che potrebbero avere mercato sono: i preparati per gelato, i dolci da forno, i formaggi, le birre semi-artigianali, le conserve di verdura e le conserve ittiche.