"Si resti, arrinesci": giovani in marcia contro l'emigrazione dalla Sicilia :ilSicilia.it
Palermo

Partecipazione massiccia alla manifestazione

“Si resti, arrinesci”: giovani in marcia contro l’emigrazione dalla Sicilia

di
25 Ottobre 2019

Si resti, arrinesci“, la marcia silenziosa di centinaia di siciliani per fermare l’emigrazione giovanile. Massiccia la partecipazione per le vie del centro dietro a uno striscione su cui campeggia un eloquente messaggio “Si resti, arrinesci.  Fermiamo l’emigrazione giovanile dalla Sicilia“.

Dopo settimane scandite da assemblee pubbliche in diversi comuni dell’isola, iniziative simboliche e flash mob, tam tam sui social network si è giunti alla prima grande  marcia indetta nell’ambito della campagna “Si resti arrinesci” per dare un segnale di resistenza popolare “contro lo stato attuale in cui versa l’isola. Un presente – si legge nella nota degli organizzatori – in cui l’ inefficienza e il disinteresse della casta politica hanno determinato la fuga forzata dall’isola con il conseguente spopolamento e impoverimento dei territori”.

Già dalle prime ore del mattino Palermo ha visto giungere diversi pullman provenienti da diverse parti della Sicilia. Tanti i comuni che hanno aderito: Contessa Entellina, Balestrate, Giuliana, Salemi, Lercara Friddi, Palazzo Adriano, Santo Stefano Quisquina, Ciminna,  Bolognetta, Milazzo, Messina, Cinisi, Bagheria,  Belmonte Mezzagno, Corleone, Piana Degli Albanesi, Partanna, Santa Cristina Gela, Ventimiglia di Sicilia. Una mobilitazione che ha visto la partecipazione di giovani delle scuole e dell’università, i precari e i disoccupati, imprenditori e semplici padri e madri di famiglia. Presenti anche padre Garau, fra i maggiori promotori della campagna, e l’arcivescovo Corrado Lorefice.

La giornata di oggi – ha affermato la studentessa Ludovica Di Primasegna un importante passo nel percorso che si sta tracciando per il ribaltamento della pericolosa tendenza che strappa i siciliani dalle proprie radici obbligandoli a cercar fuori una vita dignitosa“.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Quella celestiale melodia in “LA”

Il presenzialismo non finalizzato ad alcuna crescita è una opportunità sprecata, ecco perché trovo piacere di ospitare chi sappia apprezzare il valore del “regalo”.
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin