"Si resti, arrinesci": giovani in marcia contro l'emigrazione dalla Sicilia :ilSicilia.it
Palermo

Partecipazione massiccia alla manifestazione

“Si resti, arrinesci”: giovani in marcia contro l’emigrazione dalla Sicilia

di
25 Ottobre 2019

Si resti, arrinesci“, la marcia silenziosa di centinaia di siciliani per fermare l’emigrazione giovanile. Massiccia la partecipazione per le vie del centro dietro a uno striscione su cui campeggia un eloquente messaggio “Si resti, arrinesci.  Fermiamo l’emigrazione giovanile dalla Sicilia“.

Dopo settimane scandite da assemblee pubbliche in diversi comuni dell’isola, iniziative simboliche e flash mob, tam tam sui social network si è giunti alla prima grande  marcia indetta nell’ambito della campagna “Si resti arrinesci” per dare un segnale di resistenza popolare “contro lo stato attuale in cui versa l’isola. Un presente – si legge nella nota degli organizzatori – in cui l’ inefficienza e il disinteresse della casta politica hanno determinato la fuga forzata dall’isola con il conseguente spopolamento e impoverimento dei territori”.

Già dalle prime ore del mattino Palermo ha visto giungere diversi pullman provenienti da diverse parti della Sicilia. Tanti i comuni che hanno aderito: Contessa Entellina, Balestrate, Giuliana, Salemi, Lercara Friddi, Palazzo Adriano, Santo Stefano Quisquina, Ciminna,  Bolognetta, Milazzo, Messina, Cinisi, Bagheria,  Belmonte Mezzagno, Corleone, Piana Degli Albanesi, Partanna, Santa Cristina Gela, Ventimiglia di Sicilia. Una mobilitazione che ha visto la partecipazione di giovani delle scuole e dell’università, i precari e i disoccupati, imprenditori e semplici padri e madri di famiglia. Presenti anche padre Garau, fra i maggiori promotori della campagna, e l’arcivescovo Corrado Lorefice.

La giornata di oggi – ha affermato la studentessa Ludovica Di Primasegna un importante passo nel percorso che si sta tracciando per il ribaltamento della pericolosa tendenza che strappa i siciliani dalle proprie radici obbligandoli a cercar fuori una vita dignitosa“.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.