"Si resti, arrinesci": migliaia di fiaccole in Sicilia contro l’emigrazione forzata dei giovani | FOTO :ilSicilia.it
Banner Bibo

PROSEGUE LA MOBILITAZIONE

“Si resti, arrinesci”: migliaia di fiaccole in Sicilia contro l’emigrazione forzata dei giovani | FOTO

di
27 Dicembre 2019

SCORRI LE FOTO IN ALTO

La campagna “Si Resti, Arrinesci” continua a far sentire la propria voce in tutta la Sicilia. Oggi in decine di comuni e piccoli borghi siciliani le diverse comunità hanno dato vita ad una fiaccolata per mantenere alta l’attenzione di tutta la società siciliana sul grave problema dell’emigrazione giovanile forzata dall’Isola e per sollecitare ancora una volta le istituzioni nell’avviare un processo reale di risoluzione del problema.

“Addumamu i luci pi farinni abbiriri” questo lo slogan dell’iniziativa. A Palermo hanno sfilato per le vie del centro e, fra gli altri comuni in cui si è svolta la fiaccolata, ricordiamo: Bagheria, Petralia Soprana, Marsala, Mazara, Salemi, Gela, Agrigento, S. Biagio Platani, Catania e Messina.

Non mollano la presa i siciliani di Si Resti, Arrinesci e colgono, dunque,  ogni occasione per mantenere la questione al centro del dibattito pubblico e pressare la politica istituzionale affinché inizi a occuparsene seriamente.

Proprio oggi l’assemblea dell’Anci ha incontrato il presidente della Regione Musumeci rivendicando risorse e un nuovo modello di sviluppo per l’isola che possa permettere ai giovani di rimanere. Qualcosa, dunque, inizia a muoversi nella giusta direzione e il movimento va avanti sempre più spedito.

fiaccolata si resti arrinesci-emigrazione-giovaniDopo la manifestazione regionale del 25 ottobre a Palermo,  importante chiave di volta della campagna, la giornata di pulizia dei territori e le diverse assemblee cittadine datesi su tutto il territorio regionale, quello di oggi si delinea come ulteriore importante appuntamento di piazza, altamente simbolico e fortemente comunicativo, che ha manifestato il forte protagonismo e interesse dei siciliani.

“Ci hanno insegnato a vivere l’emigrazione forzata dalla nostra terra con conseguente suo spopolamento e impoverimento come un destino ineluttabile, a tollerarla come un male normalizzato. Ma così non è e adesso diciamo basta! Ciò che reclamiamo è il diritto alle radici ! Non ci fermeremo fin quando non verrà delineato un nuovo modo di intendere la Sicilia, fino a quando non verrà elaborato un nuovo modello di sviluppo con una diversa gestione delle risorse che permetta di realizzare quelle condizioni necessarie per vivere dignitosamente nei luoghi in cui siamo nati e in cui abbiamo i nostri affetti! Riduzione del costo della benzina e aumento delle royalties, tempo pieno a scuola e fine dei tagli dello Stato agli enti locali sono solo alcune delle misure che in tal senso andrebbero prese. Gli abitanti sono nutrimento per la propria terra, noi siamo la luce della nostra terra e dobbiamo brillare e farci vedere e farci sentire per risollevarla” affermano.

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Il Principe e il Povero

E proprio vero “u saziu nun po' cridiri o diunu, è facile fare la persona di principio con l’appannaggio annuo di 2.000.000 sterline che ti passa to nonna". Fu a quel punto che comprese l’importanza e la fortuna di essere povero

Politica

di Elio Sanfilippo

Il putiferio palermitano del Pd

Il putiferio all’interno del Partito democratico palermitano pare che sia scoppiato in seguito ad una intervista rilasciata dal segretario Rosario Filoramo accusato di autoreferenzialità, di una gestione accentratrice del partito e, soprattutto, di avere lanciato la sua sindacatura a sindaco di Palermo senza alcuna consultazione e riunione degli organismi dirigenti. 

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Ferranti