Si rifiuta di dargli i soldi: automobilista minacciato da due parcheggiatori a Palermo :ilSicilia.it
Palermo

I due sono stati arrestati

Si rifiuta di dargli i soldi: automobilista minacciato da due parcheggiatori a Palermo

di
18 Ottobre 2018

È stato necessario l’intervento della polizia in piazza Sturzo per soccorrere un automobilista vittima di una richiesta estorsiva da parte di due parcheggiatori abusivi.

A conclusione dell’intervento sono stati tratti in arresto Raffaele Ferrante, 44 enne e Francesco Porcelli, 41 enne, entrambi palermitani, resisi responsabili del reato di tentata estorsione aggravata ai danni di un automobilista.

Gli agenti, dopo aver faticato non poco per sedare gli animi tra i contendenti, hanno scoperto che due dei litiganti esercitavano l’attività di parcheggiatori abusivi e che la lite era scaturita a seguito del rifiuto da parte di un automobilista di pagare loro la somma di denaro richiesta per la sosta dell’auto.

L’uomo ha raccontato di essere stato avvicinato dai due individui subito dopo aver parcheggiato la propria autovettura in piazza Don Sturzo.

I malviventi, in un primo momento, hanno celato la richiesta estorsiva con la classica scusa “dell’offerta di un caffè”, immediatamente trasformatasi in una vera e propria tentata estorsione a seguito del rifiuto ricevuto; infatti, hanno minacciato l’automobilista di fargli sparire l’automobile e vedendo che lo stesso non si è lasciato intimorire hanno dato vita ad un vero e proprio scontro verbale nel corso del quale la vittima veniva spinta ed afferrata energicamente per il polso.

Dalla violenza verbale degli aggressori e dalle loro minacce è stato coinvolto anche un amico dell’automobilista sopraggiunto in suo soccorso. Malgrado l’intervento degli agenti i due malviventi hanno continuato con le minacce verbali nei confronti dei due malcapitati.

Nei loro confronti sono state elevate sanzioni per violazione del Codice della Strada inerenti l’esercizio abusivo di parcheggiatore con contestuale sequestro della somma di denaro provento dell’attività illecita oltre all’ordine di allontanamento immediato dai luoghi dove esercitavano tale attività.

Nei giorni scorsi, altre otto persone, “impegnate” nell’esercizio abusivo dell’attività di “guardia macchine”, nella stessa zona, sono stati sanzionati dai poliziotti del Commissariato P.S. “Politeama”.

Per tutti è stato disposto l’ordine di allontanamento immediato da quei luoghi.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.