Si rompe il centrodestra a Milazzo, la Lega: "Diventerà Bellissima poco seria" :ilSicilia.it
Messina

LA PRESA DI POSIZIONE SULLE AMMINISTRATIVE

Si rompe il centrodestra a Milazzo, la Lega: “Diventerà Bellissima poco seria”

di
25 Febbraio 2020

Non è un modo serio di fare politica. Da parte di Diventerà Bellissima c’è una evidente mancanza di rispetto nei confronti degli alleati e degli elettori di centrodestra“.

Questa è la dura presa di posizione del segretario regionale della Lega in Sicilia Stefano Candiani e del commissario provinciale Matteo Francilia nell’apprendere  della scelta del movimento del presidente Musumeci di correre in solitaria a Milazzo rompendo il tavolo della coalizione.

Dopo aver manifestato l’adesione sul nome del candidato della Lega Damiano Maisano durante il tavolo del centrodestra – si legge nella nota di Candiani e Francilia – adesso inspiegabilmente e improvvisamente Diventerà bellissima fa un passo indietro decidendo di convergere su un candidato diverso al di fuori dal perimetro della  coalizione“.

Ma la Lega non si ferma qui e annuncia dure conseguenze anche sul tavolo regionale per le amministrative:  “Chiediamo alle altre forze politiche alleate – afferma Candiani – di alzare la testa e di fare chiarezza, la Lega non si  presterà a questi giochetti. A breve riuniremo l’esecutivo regionale del partito per assumere determinazioni nel segno della discontinuità rispetto a questo modo di agire. Per noi – aggiunge ancora il segretario regionale della Lega – il centrodestra unito rappresenta un valore in tutte le città in cui si andrà al voto ma non possiamo accettare che si riduca ad un autobus su cui salire per convenienza“.

La replica di “Diventerà Bellissima”

«L’unica scelta non seria è quella della Lega, che in questo caso fa accordi e non li rispetta. Pretendendo di avere il sostegno di DiventeràBellissima alle Amministrative di Milazzo senza ricambiarlo su Barcellona, dimostra di pretendere “la botte piena e la moglie ubriaca”. Ricordo a Candiani e a Francilia che la coalizione l’ha “rotta” il capogruppo della Lega all’Ars ufficializzando la candidatura di Milazzo e il sostegno a Barcellona della candidatura di Forza Italia, quando al tavolo si era detto di attendere l’incontro regionale. Noi siamo per l’unità della coalizione e per il rispetto dei patti e dalla Lega ci aspetteremmo sempre identico atteggiamento costruttivo invece di sterili polemiche come purtroppo sta accadendo in questo caso».

Lo afferma Pino Galluzzo, deputato regionale di DiventeràBellissima, replicando al commissario della Lega in Sicilia, Stefano Candiani, e al commissario provinciale a Messina, Matteo Francilia, che dopo non avere espresso sostegno al candidato sindaco di DiventeràBellissima a Barcellona, chiedono l’appoggio di Db al proprio candidato sindaco di Milazzo. Galluzzo aggiunge: «Vorrei consigliare al senatore Candiani, che non conosco ma verso il quale nutro rispetto, di studiare meglio l’indole dei siciliani, ai quali non piacciono atteggiamenti da censore che potrebbero essere considerati come aria presuntuosa del Continente: siamo certi che questo non sia il suo auspicio. DiventeràBellissima, a Messina come nel resto della Sicilia, ribadisce la propria volontà di agire nel rispetto reciproco tra tutti gli alleati, Lega compresa».

La controreplica della Lega

Galluzzo mente sapendo di mentire. La posizione della Lega sulle amministrative a Milazzo, Barcellona e nel resto della Sicilia è stata chiaramente espressa dal senatore Candiani nei giorni scorsi“. Lo afferma il commissario provinciale della Lega a Messina, Matteo Francilia.

Ribadisco – continua Francilia – la posizione espressa dal nostro segretario regionale sull’unità del centrodestra e sulla lealtà tra gli alleati e non intendo replicare alle affermazioni farneticanti del deputato regionale di Diventerà bellissima su una certa presunzione continentale attribuita al senatore Candiani. Davvero fuori luogo e di cattivo gusto”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.