Si schianta col furgone, giovane muore travolto dal treno :ilSicilia.it
Catania

sulla dinamica indaga la polizia

Si schianta col furgone, giovane muore travolto dal treno

17 Dicembre 2018

Un 36enne, Ivan Martella, originario di Paternò, è morto la notte scorsa travolto da un treno regionale ad Acireale, nel Catanese.

L’uomo, poco prima, alla guida di un furgone Ducato di colore bianco si era schiantato contro un muro in cemento armato lungo la strada statale 114, Catania-Messina, dopo avere percorso controsenso e ad alta velocità diverse vie della città barocca dalle 100 chiese.

Il mezzo ha percorso via Cavour in controsenso, ha attraversato a velocità piazza Duomo e corso Umberto per poi schiantarsi contro il muro di cemento lungo la SS114, all’altezza del semaforo dello storico bar-ristorante ‘Bellavista‘.

Non è ancora chiara la dinamica della morte: se l’uomo si sia buttato imprudentemente dal muretto e sia stato travolto dal treno o se ha tentato la fuga a piedi attraversando i binari senza accorgersi del convoglio in arrivo. Durante la corsa per le vie di Acireale, il furgoncino ha urtato diverse auto parcheggiate e il conducente di una di queste, un agente di polizia, ha inseguito l’automobilista fino al momento dello schianto. Per paura, probabilmente, l’uomo è sceso dal mezzo tentando la fuga a piedi verso la ferrovia, senza accorgersi del treno in arrivo. La linea ferroviaria è stata temporaneamente interrotta per diverse ore.

Un autobus ha trasportato i passeggeri che si trovavano a bordo del treno alla stazione di Catania. Sull’accaduto indaga il commissariato di polizia di Acireale.

AGGIORNAMENTO

È scivolato dal muretto che costeggia la ferrovia, cadendo sui binari proprio mentre stava per passare il treno. È la ricostruzione della polizia sulla morte del 36enne la notte scorsa ad Acireale. L’uomo è stato visto percorrere ad alta velocità in controsenso alcune vie centrali della città.

I soldi che sono stati trovati nel furgone gli erano stati dati da suo padre per comprare i biglietti per andare a Roma con il treno, che era una delle sue passioni. Sull’episodio indagano la polizia ferroviaria e personale del commissariato di Acireale.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

L’Indivia e l’Invidia?

Ricordate ognuno è ciò di cui si circonda, se ci si circonda del nulla e se si dà spazio al nulla è perché per primi non si crede nel nostro valore e tutto questo credetemi non potrà durare, si ci vorrà ancora del tempo, ma questo “giorno della marmotta finirà”.
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.