Si scrive Conte, si legge Renzi: se nasce il governo l'ex segretario Pd si pappa l'Italia :ilSicilia.it

L'ex sindaco di Firenze a un passo dal ritorno in sella del Paese

Si scrive Conte, si legge Renzi: se nasce il governo l’ex segretario Pd si pappa l’Italia

di
26 Agosto 2019

Prodi, Franceschini, i vescovi italiani, le cancellerie europee, a partire da Merkel e Macron: In queste ore sono tantissimi gli ambienti italiani e internazionali che hanno praticamente cinto d’assedio il segretario Dem Nicola Zingaretti, per indurlo ad accettare l’accordo con il Movimento 5 Stelle e soprattutto il nome di Giuseppe Conte quale premier del futuro governo. All’elenco “manca solo Bergoglio” scrive Alessandro de Angelis su “Huffington post”, ma poco ci manca.

Per adesso Zingaretti tiene la posizione, dopo che ieri Fico si è sfilato dall’offerta che gli era giunta dal Pd, di accettare lui l’incarico di presidente del Consiglio di un ipotetico esecutivo giallo-rosa. Il Movimento 5 Stelle targato Di Maio ha respinto al mittente l’eventualità di ritrovarsi il presidente della Camera quale nuovo premier, evidentemente per non rafforzare l’area interna di Roberto Fico che da tempo muove critiche nei confronti dello stato maggiore grillino. E così, muro pentastellato per blindare Conte e caos nel Pd, dove i luogotenenti fedelissimi a Matteo Renzi stanno letteralmente assediando il fortino del segretario Zingaretti, per farlo cedere.

Infatti, a ben guardare, nell’eventualità che il Partito Democratico dovesse accettare il nome di Giuseppe Conte, è chiaro a tutti che si darebbe vita a un governo di fortissima impronta renziana, con i ministeri chiave (questa è la proposta ventilata dal Nazareno) che andrebbero a uomini Dem vicini all’ex segretario e con una sconfitta sul nascere del progetto di rinnovamento del Pd che stava cercando di attuare in questi mesi Zingaretti, per liberare il partito dalla zavorra renziana ancora presentissima nei gruppi parlamentari, dove i fedelissimi del politico fiorentino sono la stragrande maggioranza.

Un governo Conte targato 5 Stelle + Pd, in pratica sarebbe nient’altro che una sorta di “Renzi bis” sostenuto dai 5 Stelle e con Giuseppe Conte (folgorato sulla via dell’europeismo targato Francia e Germania), che da capo di un governo “populista” e di rottura con i vecchi schemi del passato, qual era quello Lega + 5 Stelle, si ritroverebbe a premier di un esecutivo filo-Ue e filo banche, vista la determinante influenza renziana che a quel punto diverrebbe totalizzante. Prova ne è la ventilata nomina di Maria Elena Boschi nella commissione di controllo sulle banche.

Ma c’è di più, lo stesso Renzi (che più volte aveva accarezzato l’idea di creare un nuovo partito più moderato rispetto al Pd), in caso di nascita di un tale governo non avrebbe più alcun interesse a una simile operazione, perchè – come scrive sempre Alessandro De Angelis su Huffington – “l’ex segretario (Renzi) ha capito che se parte il governo non ha più neanche bisogno di fare la scissione. E’ il Pd che, se così dovesse andare a finire, al primo vero passaggio politico si scinde dal suo segretario, tornando sulla linea del precedente”. Insomma, dietro al volto pulito e apprezzato di Giuseppe Conte, ci sarebbe il grande manovratore fiorentino a fare il bello e il cattivo tempo.

Molto più coraggiosa sarebbe per il Pd un’altra mossa. Rifiutare questa ipotesi di governo farlocco che riesumerebbe lo spettro di Renzi e di tutti i suoi e andare alle urne con un patto di governo coi 5 Stelle su alcuni punti cardine, per fermare l’ondata leghista.

Avrà il segretario Zingaretti questo coraggio? O preferirà piegarsi alle pressioni che in queste ore si stanno facendo asfissianti? Fra poche ore lo sapremo.

LEGGI ANCHE:

Ecco perchè il voto subito conviene anche a Pd e 5 Stelle

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.