Si scrive Forza Italia Viva e si legge Forza Sicilia Futura :ilSicilia.it

il retroscena

Si scrive Forza Italia Viva e si legge Forza Sicilia Futura

di
20 Ottobre 2021

Per ora l’ufficialità non c’è, ma i bene informati giurano che il patto tra Forza Italia e Italia Viva arriverà a breve. Al momento è saltata la conferenza stampa, annunciata durante la presentazione del videogioco ambientato nelle sale di Palazzo dei Normanni, fissata per oggi 20 ottobre alle 11. Per motivi, però, non legati alla politica.

Il patto, infatti, si fa, anche se per il momento dovrebbe essere limitato alla Sicilia, come si è affrettato a spiegare Gianfranco Micciché in un’intervista al Mattino: “Ho fatto un’intesa con Renzi, ma solo qui in Sicilia”, ha detto. “Forza Italia Viva, come ho letto da alcune parti, non esiste. Almeno non ancora“, ha affermato. “Renzi ha assicurato che ci darà una mano – ha aggiunto Micciché -. Poter avere il sostegno di tutti, magari anche di Calenda o di Più Europa può servire. Si spostano loro verso di noi però“.

E sono queste ultime parole di Micciché a suggerire spunti di riflessioni e analisi interpretative. Perché a leggerle, sembra che il coordinatore azzurro in Sicilia voglia allontanare l’idea di tirare per la giacchetta Renzi, mentre pare trasparire che sarebbe Renzi a tirare per la giacchetta Forza Italia. Insomma, la chiave di lettura ‘suggerita’ da Micciché è quella per cui l’accordo con Italia Viva convenga più a Renzi che a Forza Italia.

Questione diversa quella che riguarda Sicilia Futura. I buoni rapporti che legano Micciché a Edy Tamajo, ras del voto a Palermo ed oriundo siciliafuturista naturalizzato da Italia Viva, sono di dominio pubblico e il dialogo tra i due è fitto. Lo stesso Tamajo aveva anticipato a ilsicilia.it la fusione dei due gruppi all’Ars. E vista l’emorragia nel partito di Renzi in Sicilia, con parlamentari regionali e nazionali eletti nell’isola che hanno abbandonato Italia Viva, l’interlocuzione privilegiata pare essere quella tra Tamajo e Micciché, con il plenipotenziario di Renzi Davide Faraone al momento in attesa e la cena fiorentina che potrebbe assumere il valore della mediazione e del bon ton politico con l’ex sindaco del capoluogo toscano.

Insomma, le priorità per Micciché (e Tamajo) sono Palermo e la Sicilia, e pare logico guardando alle scadenze elettorali imminenti. Per il resto si attenderà.

© Riproduzione Riservata
Tag:

La GiombOpinione

di Il Giomba

VaffanCovid

A te che vuoi toglierci tutte le speranze ed i progetti sul futuro, a te che pretendi di non darci nessuna tregua, un sincero ed accorato... VaffanCovid!

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Anno nuovo, tante novità in arrivo

Con l'arrivo del 2022, le varie piattaforme streaming hanno annunciato molte novità  che riguardano sia nuove stagioni di serie già andate in onda, sia diverse interessanti nuove serie.

Agenda

di Renzo Botindari

Memento di una Persona Perbene

Mentre tutti oggi onorano la rimembranza di questi personaggi, io amareggiato penso a quelle che saranno state le loro ultime ore di vita, delusi, traditi e chiusi in sé stessi nell’attesa che qualcosa di brutto potesse accadergli.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin