13 dicembre 2018 - Ultimo aggiornamento alle 20.09
caronte manchette
caronte manchette

Oggi non sia solo un ricordo

Sia fatta giustizia per i caduti di via D’Amelio. La verità la pretendiamo

19 luglio 2018

Sono passati 26 anni da quel boato che ha cambiato per sempre le nostre vite. Era una domenica pomeriggio e il sole era ancora alto. Una domenica come tante di luglio. Ricordo la scia di sirene e ambulanze che, appena ventenne, seguii a piedi come fossi un robot, per tentare di capire dove portasse quel fiume impazzito. Camminando meccanicamente mi ritrovai in un altro mondo.

In via Mariano D’Amelio c’era fumo e c’era fuoco. C’era tanta gente e non c’erano barriere.

Ricordo ancora i volti delle persone. Moltissimi fra poliziotti, carabinieri, finanzieri, medici, pompieri. Correvano tutti di qua e di là, ma pareva che nessuno sapesse cosa fare.

Guardai quelle scene con gli occhi di chi aveva appena cominciato la propria avventura nel mondo del giornalismo. Proprio due giorni prima avevo iniziato a collaborare con “La Sicilia“, ma era ancora troppo presto per il mio primo articolo. Sarebbe passato ancora qualche giorno, ma quel boato sordo che sfregiò quella domenica e la vita di tutti noi, risuonò come una chiamata alle armi: era giunto il tempo di cominciare a essere padroni del nostro destino, vivere la nostra storia e cambiare il suo corso, ciascuno con il proprio ruolo, ciascuno con la propria sensibilità e con il proprio “karma”. Ciascuno a modo proprio, ma tutti uniti da un filo invisibile che ci fece crescere improvvisamente e segnò per sempre le nostre vite.

Tanti particolari di quella domenica di luglio restarono impressi nei miei occhi, ma soprattutto quello che non potrò mai dimenticare erano la confusione e lo smarrimento. In via D’Amelio accorsero tutti, ma proprio tutti. Ed è per questo che non si può oggi ignorare il grido di verità e giustizia di Fiammetta Borsellino

La verità è un diritto che pretendiamo, in onore di Paolo Borsellino e dei cinque agenti di scorta, Agostino Catalano, Emanuela Loi, Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina e Claudio Traina. In onore di tutti i nostri caduti.

E la pretendiamo oggi più che mai, specie dopo che i giudici hanno acclarato che ci furono depistaggi e tradimenti da parte di uomini dello Stato, che avrebbero dovuto scoprire chi e perché volle quell’eccidio, ma che invece, per oscuri fini, hanno cercato di allontanare le responsabilità dai veri colpevoli. Già a partire dai momenti confusi e concitati di quella domenica pomeriggio, infatti, ci fu qualcuno che depistò. E avrebbe continuato a farlo negli anni successivi. Fu una strategia del depistaggio, ordita non da cani sciolti, ma in modo consapevole e organizzato.

Oggi in via D’Amelio e in altre piazze di Palermo sfileranno politici e autorità varie. Ci sarà molta retorica, ci saranno lacrime e ci sarà tanta malafede, mista a tanta buona fede. Ci sta.

Le passerelle sono inevitabili, ma al di là di queste c’è la gente comune, che odia la mafia e ogni forma di sopruso e che ha diritto di poter dire a chi verrà dopo di noi che la criminalità mafiosa è un pezzo di storia con cui Palermo e l’Italia hanno finalmente chiuso i conti. Nel migliore e unico modo possibile: vincendo questa guerra. 

Ai politici diciamo quel che ripetiamo da tempo. Fatevi pure le vostre passerelle, ma ricordate che l’unico modo che avete per riscattare voi stessi è creare le condizioni affinché le generazioni del futuro possano vivere in Sicilia dignitosamente. Della vostra retorica non ce ne facciamo niente se non è seguita da politiche e atti concreti, che diano la possibilità a tutti di vivere qui e di non fuggire via.

A morte la mafia e tutti i loro servitori!

LEGGI ANCHE

Esclusiva ilSicilia.it, Fiammetta Borsellino: “Mio padre subì tradimenti a tutti i livelli” | Video intervista

 

 

Tag:
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Radiografia, Tac e Pet: tra nuove tecnologie e ars medica

L’attuale presidente della Società Italiana di Radiologia Medica, professore Roberto Grassi, ha dichiarato un po' di tempo fa che "Abbiamo bisogno di clinici che facciano i clinici, di medici che facciano i medici, perché in gioco non c’è solo spreco di risorse, ma anche la sicurezza dei pazienti, che devono essere esposti a radiazioni ionizzanti solo se veramente necessario".
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Abbiamo molto da imparare

“Nzu”! Suono quasi gutturale che usciva con una smorfia da chi quasi a significarvi che “nenti sacciu e nenti sapia” voleva chiudere al nascere qualunque tipo di conversazione e tu sapevi che anche se ti fossi perso era certamente giunto in Sicilia.
Andiamo a quel Paese
di Valerio Bordonaro Marco Scaglione

Diario di Singapore – Seconda Parte

Opportunità di business per le aziende siciliane, sia nella grande distribuzione, sia in hotel, ristoranti e catering. A Singapore i prodotti che potrebbero avere mercato sono: i preparati per gelato, i dolci da forno, i formaggi, le birre semi-artigianali, le conserve di verdura e le conserve ittiche.