"Siamo in emergenza da 18 giorni", gestione dei rifiuti in Sicilia al collasso :ilSicilia.it
Palermo

IL RACCONTO DEL SINDACO DI BAGHERIA FILIPPO MARIA TRIPOLI

“Siamo in emergenza da 18 giorni”, gestione dei rifiuti in Sicilia al collasso

di
25 Novembre 2020

Continua a tenere banco l’emergenza relativa alla gestione dei rifiuti in Sicilia.

Nelle scorse settimane era stato il sindaco di Carini Giovì Monteleone a lanciare l’allarme sulla situazione di stallo nel conferimento del prodotto indifferenziato. A causare ritardi è la chiusura dell’impianto di Alcamo, per la mancanza del foglio di VIA.

IL RACCONTO DI FILIPPO MARIA TRIPOLI

Ad oggi però dalla Regione, in particolare dall’assessorato all’Ambiente di Alberto Pierobon, non è ancora arrivata una soluzione definitiva. A raccontarci della situazione drammatica dei Comuni siciliani è Filippo Maria Tripoli, sindaco di Bagheria.

Filippo Maria Tripoli

La situazione è drammatica – dichiara il primo cittadino -. Noi dal 2 novembre non abbiamo più potuto conferire nella discarica di Alcamo. Quattro giorni dopo, la Regione Siciliana ci ha rassicurato dicendoci che avrebbe risolto il problema. Il 15 novembre abbiamo fatto un conferimento d’urgenza a Gela, ma l’impianto ci ha fatto sapere che non poteva accettare ulteriori rifiuti. Dopo un confronto fra i Comuni e la Regione, con un’opera di collegamento da parte del Prefetto, l’assessore Pierobon ha autorizzato la consegna dell’indifferenziato nell’impianto della Trapani Servizi, sito nell’omonimo comune“.

Il riferimento è al decreto dirigenziale del 24 novembre, con il quale la Regione Siciliana autorizzava “i comuni di Bagheria (25,00 t/g), Belmonte Mezzagno (6,00 t/g), Borgetto (2,5 t/g), Capaci (7,00 t/g), Carini (20,00 t/g), Cinisi (3,00 t/g), Monreale (20,00 t/g), Montelepre (0,8 t/g), Terrasini (3,5 t/g) a conferire i rifiuti solidi urbani indifferenziati non pericolosi, EER 200301, prodotti nel proprio territorio, presso l’impianto di TMB sito in Trapani gestito dalla società Trapani Servizi s.p.a.. secondo le quantità giornaliere indicate“.

CAMION LASCIATI FUORI DALLA DISCARICA

Ma a questo punto è sorta una situazione paradossale, come esplicato dallo stesso Tripoli.

Il problema è stato che noi carichiamo i rifiuti sul camion, li spediamo a Trapani ma poi non vengono fatti entrare. La risposta è stata che loro avevano informato la Regione Siciliana di non potere ricevere ulteriori rifiuti. Questo è sintomo di una scarsa programmazione da parte della Regione e dell’assessore al Ramo. Lo dico perchè nel settembre 2019 avevamo addirittura proposto di creare un centro di raccolta qui nel territorio di Bagheria. Dopo aver presentato il progetto, l’esecutivo ci ha detto che non c’erano i soldi per finanziarlo. Ora, per una realtà come la nostra che punta sul turismo e sull’enogastronomia, questo danno d’immagine e per la salute dei cittadini chi lo paga?“.

Abbiamo provato a contattare i vertici di Trapani Servizi, ma al momento senza risposta.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il Presidente con le carte in regola

In una fase di scadimento della Politica ricordare Pier Santi Mattarella è come una boccata di ossigeno, un riconoscere che vi è stata, e quindi è possibile, una politica ispirata al bene comune, al buon governo e al progresso della propria terra

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin