"Sicanium, ta cuntu jucannu": il gioco da tavolo che parla siciliano :ilSicilia.it

Un consiglio per gli acquisti di Natale

“Sicanium, ta cuntu jucannu”: il gioco da tavolo che parla siciliano

di
11 Dicembre 2019

Più si avvicina il Natale e mentre per alcuni cresce il divertimento, per altri, invece, l’incombenza di scegliere il regalo perfetto. Noi, però, vogliamo solleticare i tanti Maestri e Maestre d’Ansia, che nel programma “Maledetti Amici Miei” con Rocco Papaleo, Alessandro Haber, Sergio Rubini e Giovanni Veronesi, sono rappresentati da Margherita Buy, per informarli che, anche, per Santa Lucia dovrebbero farsi. Vedo già visi stravolti, occhi roteanti al solo pensiero dello shopping, ma vogliamo tranquillizzarvi, bastone e carota, dicendovi a chi appartiene questa usanza.

Regali di Natale

Mentre in Sicilia la devozione si esprime attraverso suggestive processioni come a Siracusa in cui, il 13 dicembre, esplode il grido dei trasportatori della statua: «Sarausana jè, siracusana è», quasi a ricordare, per chi non lo sapesse, di essere stata la prima città al mondo ad aver tributato il culto a Santa Lucia, (d’altronde proprio nelle catacombe della città siciliana, le più estese al mondo dopo quelle di Roma, è stata ritrovata un’epigrafe marmorea del IV secolo a testimonianza di ciò), in molte città del Nord Italia la si festeggia attingendo a tradizioni “altre”. Una delle più diffuse, legata al Natale, narra dei “doni di Santa Lucia” che viene vista quasi come una collega di San Nicola, Babbo Natale e la Befana e a cui i più piccoli scrivono una letterina, elencando i regali che vorrebbero ricevere e raccontando di essere stati bravi durante tutto l’anno.

Per accrescere la loro attesa, i ragazzi più grandi, nelle sere che precedono la festa, suonano per le strade un campanello da messa invitandoli ad andare subito a nanna per evitare che la Santa li veda svegli. Per ringraziarla le si lasciano, solitamente, delle arance, dei biscotti, caffè, mezzo bicchiere di vino rosso e del fieno, oppure farina gialla e sale o fieno, per l’asino che trasporta i doni. La mattina del 13 dicembre, al loro risveglio, i piccoli trovano un piatto con le arance e i biscotti consumati, pieno, però, di caramelle, monete di cioccolato e, nascosti in giro per casa, i doni che avevano richiesto, tutti o in parte a seconda del comportamento tenuto durante l’anno.

Sicanium regalo di NataleCari ansiosi siciliani tranquillizzatevi perché, per la frenesia dei regali, potete aspettare ancora un po’; ma ora arriva il bello e cioè il momento di una idea regalo che promuove e fa conoscere, giocando, la nostra bella Sicilia.  Oltre i libri, che sono il dono più prezioso perché ci fanno vivere altre vite, essere altri da noi e aprirci a nuovi orizzonti, ce n’è uno azzeccatissimo per i siciliani e per gli amanti della Trinacria. Siete curiosi di sapere di cosa parliamo? Eccovi accontentati: “Sicanium, ta cuntu jucannu“, il nuovo gioco da tavolo  per andare alla scoperta dell’isola più bella del mondo. Le “card Missione” di Sicanium sono pensate per guidare i partecipanti a un viaggio tra cultura, storia e tradizione.

Sicanium prevede, inoltre, l’utilizzo dell’app ufficiale, disponibile per il download su App Store e Google Play, che sostituisce il book con le domande. Immaginatevi, nelle sere natalizie, attorno a un tavolo per sfidarvi, invece che a carte o a tombola, a “Sicanium”. Sei giocatori al massimo, ognuno dei quali, con la già citata card missione, dovrà recuperare degli elementi durante la partita in giro per la Sicilia, che è disegnata sul tabellone; non mancheranno, però, gli imprevisti che sonrappresentati dalle caselle brigante. L’obiettivo finale è quello di giungere a Trapani. Esistono varie versioni oltre che per gli adulti, anche per i bambini, sia in italiano che in inglese.

Il gioco, che è già in vendita, è stato realizzato da un team tutto siciliano composto da nove ragazzi: Saverio Gianluca Crisafulli, responsabile del progetto; Cristiano Di Gabriele, artista dell’opera; Gioele Gargano, disegnatore; Diego Carmine Sinitò e Vincenzo Ribaudo, sviluppatori dell’applicazione; Davide Liga, web developer; Federica Oddo e Demetrio Antonio Cavara, responsabili dei contenuti territoriali e storici.

Sicanium è disponibile all’acquisto in pre-ordine sul sito ufficiale, sarà presente e presentato in diversi punti vendita, sparsi sull’intero territorio siciliano.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.