Sicilia, arriva il controllo analogo per le società 'in house'. Armao firma il decreto :ilSicilia.it

In arrivo una serie di novità

Sicilia, arriva il “controllo analogo” per le società ‘in house’. Armao firma il decreto

24 Ottobre 2018

Società partecipate, da oggi si cambia. Il vicepresidente della Regione e assessore all’Economia, Gaetano Armao, ha emanato un decreto e una circolare esplicativa che rivoluzionano la governance delle società controllate dalla Regione.

Dando attuazione ad una norma del Collegato alla Finanziaria, il decreto introduce una serie di novità, in materia di controlli, e disciplina le modalità con cui il “controllo analogo” verrà esercitato dalla Regione nei confronti delle società in house: condizione, il controllo analogo, che – secondo le normative comunitarie – legittima la Regione ad affidare direttamente a una partecipata, senza cioè alcuna gara a evidenza pubblica, la gestione di un servizio.

Le società controllate dalla Regione sono dieci (Ast, Sas, Irfis, Mercati agroalimentari della Sicilia, Parco scientifico e tecnologico della Sicilia, Sicilia digitale, Seus, Airgest e Società degli interporti siciliani, Sis). Alcune di queste sono in house: Sas, Sicilia digitale, Riscossione Sicilia, Seus e Sis.

Il decreto prevede che l’assessore fissi gli obiettivi gestionali delle partecipate. La ragioneria generale, invece, organizza verifiche a campione, ispezioni, richieste di documenti e periodicamente controllerà che i conti siano in linea e che non ci siano stati sprechi.

Le società dovranno adottare programmi di valutazione del rischio di crisi aziendale, regolamenti interni per evitare forme di concorrenza sleale, codici di condotta, programmi di responsabilità sociale d’impresa e dovranno creare un ufficio di controllo interno che collabori con l’assessorato.

Ogni partecipata, entro il 31 ottobre di ogni anno, dovrà trasmettere il budget annuale di spesa, il piano industriale triennale, la pianta organica, i contratti di servizio. La ragioneria generale svolgerà un monitoraggio periodico (che poi invierà all’Assessore) delle partecipate attraverso l’esame dei dati gestionali, rilevati semestralmente, dei debiti e dei crediti verso la Regione. Esaminerà, poi, i bandi di concorso e le selezioni del personale a tempo indeterminato e determinato, i contratti di collaborazione e le consulenze esterne.

Una novità importante, contenuta nell’articolo 5 del decreto, è il cosiddetto controllo analogo che riguarda le società in house: la ragioneria esaminerà le decisioni dei relativi Cda che riguardano le spese, il personale, le collaborazioni e le consulenze; formulerà un parere tecnico per l’assessore, che poi esprimerà il proprio indirizzo politico vincolante per gli amministratori delle stesse società.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

L’Indivia e l’Invidia?

Ricordate ognuno è ciò di cui si circonda, se ci si circonda del nulla e se si dà spazio al nulla è perché per primi non si crede nel nostro valore e tutto questo credetemi non potrà durare, si ci vorrà ancora del tempo, ma questo “giorno della marmotta finirà”.
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.