Sicilia, Asael a ministro Boccia: "Ecco cosa non funziona" :ilSicilia.it

Lettera dell'associazione amministratori locali

Sicilia, Asael a ministro Boccia: “Ecco cosa non funziona”

18 Settembre 2019

La necessità di una modifica del testo unico enti locali, la “sperequazione” in cui versa il sistema della distribuzione delle risorse da parte dello Stato alla Regione siciliana, la mancata riforma dei rifiuti, il sostanziale “stallo” sulla completa attuazione della riforma delle ex Province e un “inefficace” meccanismo di utilizzazione dei Fondi Comunitari.

Sono alcuni dei temi affrontati nella lettera che l’Asael, associazione che riunisce gli amministratori locali siciliani, ha inviato al neo ministro per gli Affari regionali e le autonomie Francesco Boccia.

In cima alle preoccupazioni dell’associazione “la crisi crescente della finanza regionale che non è più in grado di assicurare ormai da anni – si legge nella lettera – un adeguato sistema di trasferimenti di risorse, con un conseguenziale fenomeno di dissesti finanziari degli enti locali”. L’Asael ricorda infatti che “il Fondo per le autonomie è passato dai 900 milioni del 2009 ai 270 di oggi“.

Tra gli argomenti della lettera, firmata dal presidente dell’Asael Matteo Cocchiara, anche l’incompleto trasferimento di funzioni dalla Regione ai Comuni, una “carente” formazione del personale comunale, una difficoltosa stabilizzazione dei precari, una riforma urbanistica da tempo invocata e un riassetto idrogeologico dei territori “purtroppo ancora da realizzare“.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Il cielo di Paz
di Mari Albanese

Lettera di un’adolescente dalla sua quarantena

Oggi la mia rubrica ospita una lettera molto intensa scritta da un’adolescente che ci narra i suoi giorni di quarantena. Osservare la vita attraverso i social e distanti dagli affetti più importanti per i giovanissimi è stato molto faticoso. Possono i libri aiutare a lenire la solitudine?
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.