Sicilia: Corpo forestale a guardia di depuratori e discariche :ilSicilia.it

Lo ha deciso il governo Musumeci

Sicilia: Corpo forestale a guardia di depuratori e discariche

16 Ottobre 2019

Gli uomini del Corpo forestale della Regione Siciliana potranno sorvegliare depuratori e impianti di trattamento rifiuti. Lo ha deciso il governo Musumeci, su proposta dell’assessore all’Energia e servizi di pubblica utilità Alberto Pierobon. Le modalità di esecuzione saranno definite successivamente tra l’assessore al Territorio Toto Cordaro e gli altri soggetti interessati come l’Arpa. Si tratta degli agenti del Corpo, cioè personale qualificato con funzioni di polizia, al lavoro in pianta stabile.

La proposta si inserisce nell’ambito delle attività di controllo sul trattamento dei rifiuti e sugli impianti di depurazione, che oggi sono demandate all’Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente.

Il governo regionale intende incrementare la sorveglianza, oltre a quanto già previsto dall’Agenzia. Da qui la proposta di deliberare che il Comando del Corpo forestale, previo protocollo d’intesa con Arpa, possa collaborare con quest’ultima al fine di intensificare l’attività di sorveglianza.

In particolare, la Regione vuole verificare il corretto trattamento dei rifiuti negli impianti attivi e autorizzati e vuole accendere i riflettori nel settore della depurazione urbana per accertare che il refluo depurato sia conforme a quanto previsto dalla normativa.

Il Protocollo siglato successivamente tra Arpa e Corpo forestale individuerà modalità operative, tempo e unità di personale che il Comando metterà a disposizione.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Il cielo di Paz
di Mari Albanese

Lettera di un’adolescente dalla sua quarantena

Oggi la mia rubrica ospita una lettera molto intensa scritta da un’adolescente che ci narra i suoi giorni di quarantena. Osservare la vita attraverso i social e distanti dagli affetti più importanti per i giovanissimi è stato molto faticoso. Possono i libri aiutare a lenire la solitudine?
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.
Ieri 17:03