Sicilia, da oggi via ai saldi. Federconsumatori: "Occhio alle truffe" :ilSicilia.it

I CONSIGLI PER EVITARE FRODI

Sicilia, da oggi via ai saldi. Federconsumatori: “Occhio alle truffe”

di
2 Gennaio 2020

La Sicilia quest’anno è la prima regione ad aprire il periodo dei saldi, il 2 gennaio, mentre nella stragrande maggioranza delle altre regioni i saldi partiranno il 5 gennaio.  Ma in alcuni casi, tra SMS, telefonate ed email ai clienti, “la verità è che i saldi sono iniziati già da tempo. D’altronde la normativa regionale li ha praticamente liberalizzati: basta solo non pubblicizzarli prima dell’avvio ufficiale”, scrive Federconsumatori.

Alcuni centri commerciali (come ad esempio il Forum Palermo) resteranno aperti oggi fino a mezzanotte, con una “notte bianca” con tanti sconti.

Fare stime è molto difficile visto che molti siciliani hanno già acquistato ciò che cercavano durante il weekend del Black Friday, che in molti casi è stato esteso ad una intera settimana.

Federconsumatori Sicilia, per questo, invita alla prudenza: la proiezione è che circa il 48% delle famiglie siciliane (cioè circa 961 mila) faccia acquisti a partire dal 2 gennaio 2020 e fino alla fine dei saldi.

La spesa media per famiglia sarà di circa 208 euro, con un conseguente giro di affari ipotizzato che sfiora i 200 milioni di euro. Ma si tratta di numeri che potrebbero non trovare piena conferma nei fatti.

Il problema è che è difficile isolare i commercianti che fanno i furbi. “Avere più occasioni di risparmio – afferma il presidente di Federconsumatori Sicilia Alfio La Rosa è sempre meglio che averne di meno, ma bisogna stare molto attenti a non farsi raggirare. Siamo certi che la maggior parte dei commercianti si comporterà in modo corretto, ma preferiamo comunque invitare i consumatori a stare molto attenti ai prezzi“.

Federconsumatori Sicilia, per questo, ha aggiornato il suo decalogo di consigli per affrontare i saldi invernali senza rischiare di essere raggirati.

Anche perché, come conferma la diciannovesima indagine Acri-Ipsos sul risparmio degli Italiani, la crisi economica è tutt’altro che alle spalle: “Oltre il 20% delle famiglie ha difficoltà ad affrontare una spesa imprevista – spiega il responsabile dell’Osservatorio Regionale sul Consumo di Federconsumatori Sicilia, Lillo Vizzinie il clima di incertezza e paura del futuro continua ad attanagliare gli italiani. Per questo invitiamo i consumatori siciliani ad evitare gli acquisti affrettati e a mettere in pratica i consigli del nostro decalogo. Solo così – conclude Vizzini – potranno sfruttare al massimo il potenziale di risparmio messo a disposizione dai saldi invernali“.

Gli sportelli territoriali di Federconsumatori Sicilia resteranno aperti per offrire assistenza ai consumatori su eventuali acquisti con condizioni di vendita poco chiare. L’elenco degli sportelli dell’associazione di tutela dei consumatori può essere consultato all’indirizzo Web http://www.federconsumatorisicilia.it/sedi/

 

IL DECALOGO DEI CONSIGLI DI FEDERCONSUMATORI

La raccomandazione più importante sui saldi è quella di verificare, prima della loro partenza ufficiale, il prezzo del prodotto che si intende acquistare, anche fotografandolo con il cellulare, per avere una prova certa del prezzo originario. Solo in questo modo sarà possibile valutare la reale convenienza dell’acquisto ed evitare le “furbate” di qualche commerciante scorretto.

  1. Non fermarsi mai davanti alla prima vetrina, confrontare i prezzi e, in ogni caso, orientarsi verso beni o prodotti che servono veramente.
  2. Diffidare dalle vetrine tappezzate dai manifesti (che non consentono di vedere la merce) o che reclamizzano sconti eccessivi, pari o superiori al 60%.
  3. I saldi possono non interessare necessariamente tutta la merce del negozio. Quella a saldo, però, deve essere tenuta separata e ben individuabile rispetto a quella a prezzo pieno.
  4. Attenzione alla presenza delle etichette: quella di origine permette di risalire al produttore, quella di contenuto garantisce la composizione del prodotto, quella di manutenzione informa sulle modalità di lavaggio per evitare rischi.
  5. Occhio al cartellino del prezzo! Su ogni prodotto deve essere indicato, obbligatoriamente ed in modo chiaro e leggibile, il vecchio prezzo, quello nuovo e il valore in percentuale dello sconto.
  6. Non esiste l’obbligo di far provare i capi. Il nostro consiglio è, comunque, quello di diffidare dall’acquisto di capi di abbigliamento che non si possono provare.
  7. Da giugno 2014 i commercianti hanno l’obbligo di accettare il pagamento con carte di credito o bancomat tramite POS per cifre superiori a 30 euro.
  8. Conservare sempre lo scontrino quale prova di acquisto. Sarà prezioso in caso di merce fallata o non “conforme”, in quanto obbliga il commerciante alla sostituzione o al rimborso di quanto pagato.
  9. Per gli acquisti online è consigliabile acquistare presso siti conosciuti e prestare molta attenzione alle condizioni di vendita: condizioni di pagamento, modalità e costo di spedizione, modalità e costo del reso.
  10. Problemi o “bufale” devono essere subito denunciati ai vigili urbani, all’ufficio comunale per il commercio o rivolgendosi presso le sedi territoriali di Federconsumatori Sicilia. 

 

 

LEGGI ANCHE:

Saldi in Sicilia, il Codacons prevede il flop: consumi giù del 15%

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Deco