26 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 00.42
Caltanissetta

Grande mobilitazione a Caltanissetta

Sicilia, dieci comuni isolati perchè le strade sono franate. I sindacati: “A noi servono fatti!”

16 Novembre 2018

Le segreterie confederali CGIL, CISL, UIL della provincia di Caltanissetta hanno partecipato e aderito al “Comitato viabilità” costituito a Mussomeli per promuovere, organizzare e rivendicare insieme a tutti i Sindaci del Vallone un investimento certo e tangibile per rendere sicure le strade di collegamento interno ed esterno dei 10 Comuni che da settimane sono sempre più isolati.

Ignazio Giudice – segretario Generale della CGIL – anche su delega di CISL e UIL è intervenuto sostenendo che coloro che si sono macchiati, cioè il ceto politico, del “reato strade insicure” “hanno condannato intere generazioni alle precarietà, ad una vita difficile, faticosa e rischiosa, vale per gli studenti, per i lavoratori e per le tante donne che per partorire devono anche spostarsi per andare presso gli ospedali di Caltanissetta, Agrigento o Palermo. È vergognoso e ignobile lo stato delle strade ed i politici dovrebbero solo vergognarsi, forse per questo sono stati assenti.

A noi – sindacato confederale unitario – servono fatti, ne annunci ne interrogazioni parlamentari. Dove sono i 32 milioni previsti nel patto per il Sud? Cosa blocca gli investimenti? Bisogna dare potere finanziario ai Sindaci per le opere pubbliche urgenti, così continuando più di 11 Comuni della provincia sono destinati ad uno spopolamento veloce con grande danno economico a più di 35 mila abitanti oltre all’economia riflessa che nasce dalla loro presenza nei vari Comuni. Hanno fregato il presente, per questo il comitato viabilità gradualmente promuoverà altre eclatanti iniziative pubbliche. Non fermarsi è l’appello condiviso!“.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Per chi forse ha già dimenticato

“Dottore questa volta non ce l’ho fatta, non ho fatto storie, non ho permesso a loro di attaccarmi le lunghe maniche bianche dietro la schiena, non ho voluto fare il “bastian contrario” come sempre e ho preso la loro medicina. A che serviva ancora dire che non era giusto? E poi a chi? In quanti siamo rimasti? Mi sono dovuto prostrare come tutti, mi sono dovuto distrarre, avrei dovuto imparare ad essere più ipocrita, mi sarebbe bastato vendere il mio intelletto".
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Il ricordo di Falcone: un’occasione persa per una memoria condivisa

Oggi è una di quelle date che dovrebbe essere patrimonio di tutti e invece, il ricordo del giudice Giovanni Falcone, della moglie Francesca Morvillo, e degli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro, è diventato l'occasione per divisioni, distinguo, accuse, veleni, lenzuoli di protesta ai balconi e contromanifestazioni.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.