Sicilia: dopo 40 anni l'Ars approva la riforma urbanistica :ilSicilia.it

SUPERATA L'IMPUGNATIVA DELLO STATO

Sicilia: dopo 40 anni l’Ars approva la riforma urbanistica

di
26 Gennaio 2021

L’Ars ha approvato il disegno di legge “Intervento correttivo alla legge regionale 13 agosto 2020, n. 19 recante norme sul governo del territorio”, recependo così i rilievi mossi dal Consiglio dei ministri che aveva impugnato il testo originario sulla riforma urbanistica. A favore hanno votato 45 deputati, nessun contrario e 8 astenuti.

Il Pd si è astenuto: “Questa legge è una occasione mancata”, ha detto il deputato Anthony Barbagallo.

Giusi Savarino
Giusi Savarino

SUPERATA L’IMPUGNATIVA DELLO STATO

“Con l’approvazione  odierna del ddl 911, andiamo a perfezionare la riforma “Governo del Territorio” approvata da questo Parlamento Regionale, dopo 40 anni, il 7 Agosto del 2020″. Ne da notizia la Presidente della IV Commissione, Giusi Savarino.

“Su una materia così complessa e per troppo tempo “dimenticata”, è normale ricevere sempre nuove sollecitazioni e recepirle. È una materia in continua evoluzione, sempre perfettibile. Oggi abbiamo fatto un altro passo in avanti per dare alla Sicilia il miglior testo possibile.  Abbiamo  perfezionato l’approvazione del Pug (ex piano regolatore) mediante conferenza di pianificazione; il Piano Territoriale Regionale non avrà più valenza  paesaggistica, e viene revocata la possibilità per i Comuni di redigere pareri su alcune materie come Commissione Via/Vas. Sono modifiche concordare con il governo Nazionale, grazie alle quali la riforma “Governo del Territorio” varata dal governo Musumeci è pienamente valida ed efficace. Un altro impegno mantenuto. Avanti così!”.

cordaroL’ASSESSORE CORDARO: “RISULTATO STORICO”

Diventa pienamente operativa la riforma urbanistica. Un’azione possibile in seguito all’accordo tra il governo Musumeci, per mezzo dell’assessore al Territorio Toto Cordaro, e i ministeri dei Beni culturali, dell’Ambiente, della Giustizia e degli Affari regionali, e che porterà adesso il Governo nazionale a ritirare l’impugnativa determinandone la piena applicazione.

«Si tratta di un risultato storico – commenta l’assessore Cordaro – che il governo Musumeci aveva inserito fra le sue priorità e che, a distanza di 42 anni dalla precedente riforma targata Mattarella-Fasino, pone la Regione Siciliana all’avanguardia. Con questa riforma ribadiamo la filosofia della tutela dell’ambiente in un’ottica di diritto regolamentato che rilanci l’edilizia e l’economia della Regione Siciliana».

Nello specifico, viene ribadita la centralità del piano territoriale regionale, con valenza esclusivamente urbanistica. Viene confermato il principio del consumo del suolo tendente a zero e della rigenerazione urbana, attraverso il recupero e il riutilizzo dell’edilizia esistente; viene introdotto il Piano urbano generale (Pug) che sostituisce il vecchio Piano regolatore regionale (Prg); sono introdotte le norme di salvaguardia che consentiranno di realizzare opere pubbliche anche quando i vincoli sono scaduti, favorendo così la realizzazione di opere infrastrutturali essenziali per la Sicilia; e viene ripristinata, infine, la possibilità di realizzare impianti e manufatti edilizi nelle zone agricole secondo la normativa nazionale di riferimento.

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

“La casa di carta”, da flop a fenomeno planetario

Nel maggio del 2017 in Spagna viene messa in onda per la prima volta la serie tv "La casa de papel" che, dopo un lusinghiero iniziale consenso di pubblico, vede diminuire rapidamente gli ascolti - tanto che al termine della seconda stagione i produttori e di conseguenza il cast ritengono concluso il progetto

La GiombOpinione

di Il Giomba

L’epoca dell’ansia

Accusano i giovani di non buttarsi e di aver sempre più paura: siamo sicuri che sia soltanto colpa loro? Non sempre, infatti, le cose sono come sembrano...

Blog

di Renzo Botindari

Sei sempre tu “uomo del mio tempo”

E si, ci sono periodi e questi sono quelli delle mutazioni genetiche, i più fortunati stanno afferrando le scialuppe di salvataggio e qualcuno ha pure fatto fuoco su gli altri fuggitivi pur di avere un posto, gli altri provano a rifarsi una verginità
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin