12 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.08

Ipotesi "avanzata" da alcuni professori dell'Università di Nagasaki

Sicilia e Giappone, così lontane così vicine: il mistero delle due isole gemelle

11 Aprile 2018

La vostra Patti Holmes, oggi, vi vuole porre un interrogativo. Avete mai riflettuto sulle similitudini tra la Sicilia e il Giappone? Se la risposta è no, eccovene alcune.

Il sole è essenziale per entrambi i popoli: gli uni abitano il Paese del Sol Levante e gli altri  l’Isola del Sole; ambedue si sono sviluppati intorno a un vulcano situato in posizione strategica; celebrano due feste corrispondenti e augurali, gli uni il Ciliegio e gli altri il Mandorlo in fiore; Catania potrebbe derivare invece che dal greco Katane, (grattugia), o da katà (presso) e Aitnè (Etna), dal giapponese katana (spada); nomi come Sakura e Saguto sono estremamente comuni in Sicilia al punto da venire scelti per emittenti private, Telesakura, fino a qualche anno fa in attività.

Il sushi è un piatto freddo della tradizione nipponica e sciusciare in siciliano vuol dire soffiare, raffreddare; al centro dell’alimentazione per entrambi i popoli ci sono: il pesce azzurro; saporiti bocconcini di riso e tempura per gli uni e verdure in pastella e arancine per gli altri; sushi e sashimi da un lato e mitili, e crudité di pesce dall’altro.

I due popoli, inoltre, condividono tra loro più del 98% del patrimonio genetico e, forse, non è un caso che i giapponesi e i siciliani figurino spesso nel “Guinness dei Primati” per longevità.

Abbiamo fin qui giocato o detto sul serio? Vi sveliamo l’arcano: la fonte utilizzata è il libro “Sicily: Ancestral Japan” che ipotizza, in fase preistorica e a causa di una disastrosa eruzione dell’Etna, la migrazione in massa di protosiculi verso oriente e, precisamente, in direzione di Levante, la casa del Dio Sole Nascente, alla ricerca di un Vulcano che sostituisse nell’imaginario, l’Etna, che trovarono nel Fujiyama che, si narra, venerarono e ringraziarono per aver restituito loro una patria.

Sayōnara,さようなら, e alla prossima.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Palermo dai Capelli Rossi

Non sono qui oggi a parlarvi della prostituzione, non voglio mettere al centro dell’attenzione storie di novelle “bocca di rose” poiché il discorso sarebbe troppo complesso... Parlo di Palermo e dei suoi look diversi...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Non aprite quella pentola…

Vi sono diverse variabili che interferiscono con la comunicazione fra individui. Il livello di intimità raggiunto e il linguaggio del rifiuto utilizzato possono contribuire alla percezione distorta dei fatti e alla creazione di pregiudizi ed equivoci. Tutto dà voce a quei pensieri che sono fuori dalla consapevolezza.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.