Sicilia ed Emilia Romagna rinnovano intesa col Rizzoli: migliori prestazioni e alta specializzazione| CLICCA E GUARDA IL VIDEO :ilSicilia.it
Palermo

ci sarà una razionalizzazione delle spese

Sicilia ed Emilia Romagna rinnovano intesa col Rizzoli: migliori prestazioni e alta specializzazione| CLICCA E GUARDA IL VIDEO

di
14 Ottobre 2021

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

Confermata la partnership tra Regione siciliana e Regione Emilia Romagna in merito all’attività dell’Istituto ortopedico Rizzoli, che dal 2012 opera a Bagheria presso la struttura Villa Santa Teresa. La prosecuzione dell’intensa attività dell’ hub per l’ortopedia oncologica e per altre patologie curabili solo in centri specialistici è l’obiettivo dell’intesa Rizzoli – Sicilia.

Oggi, a Palazzo Orléans, si è tenuta la conferenza stampa per la firma della nuova convenzione con l’assessore regionale alla Salute, Ruggero Razza, l’assessore alle Politiche per la salute della Regione Emilia-Romagna, Raffaele Donini, il direttore generale del dipartimento per la pianificazione strategica dell’assessorato alla Salute della Sicilia, Mario La Rocca e il direttore generale dell’Irccs Rizzoli di Bologna, Anselmo Campagna.

Abbiamo lavorato parecchio su come intensificare il rapporto tra la nostra Regione e l’Emilia Romagna, su come riuscire a dare una migliore prestazione ai pazienti. Abbiamo puntato molto anche su come fare in modo che la presenza di migliori prestazioni sul territorio facciano ridurre la fuga passiva di pazienti fuori“, spiega l’assessore Razza.

Il centro di prenotazione tra Bagheria e sede centrale del Rizzoli sarà unico per i pazienti siciliani, infatti, tutti i siciliani che chiederanno di essere valutati e curati andranno al Rizzoli di Bagheria: “Nel tempo, negli anni passati, si era verificato che oltre a non diminuire il valore della mobilità passiva, continuava a crescere quella attiva e quindi anche il costo che la Regione siciliana affrontava come investimento sulla convenzione regionale non determinava una corrispettiva diminuzione di spesa su quello che la Sicilia sosteneva per i suoi stessi pazienti“, continua Razza.

Questa nuova fase di attività del dipartimento Rizzoli Sicilia conferma – commenta l’assessore alle Politiche per la salute della Regione Emilia-Romagna, Raffaele Donini – la capacità del nostro Servizio Sanitario di rispondere ai bisogni di salute dei cittadini. L’Istituto ortopedico Rizzoli rappresenta un centro di riferimento a livello nazionale e internazionale per l’ortopedia più avanzata, dal punto di vista clinico e scientifico, con eccellenze di ricerca d’avanguardia e soluzioni cliniche innovative per i problemi più complessi. Il rinnovo degli accordi tra le nostre Regioni firmato oggi ribadisce e amplia il significato di uno sviluppo del Rizzoli in Sicilia”.

In questi ultimi dieci anni di collaborazione si è rischiato di creare due dipartimenti diversi: quello di Bologna e quello di Bagheria. Oggi l’obiettivo è quello di abbattere le differenze per creare un unico centro in due sedi. Ma la vera novità è che nel dipartimento Rizzoli-Sicilia di Bagheria vengano potenziate le attività di alta specializzazione orientate all’ortopedia oncologica, dell’arto superiore, pediatrica, vertebrale e di riabilitazione.

Si parla anche di vaccini alla conferenza di Palazzo d’Orleans: “Intanto mi auspico che chi non si sia vaccinato lo faccia al più presto. I numeri anche questa settimana segnalano un decremento delle ospedalizzazioni che continuano a riguardare essenzialmente i non-vaccinati“, considera l’assessore Razza. “Il Green Pass è una norma nazionale, sta suscitando forti polemiche nel mondo del lavoro – continua Razza – Io ritengo che se si fosse introdotta l’obbligatorietà vaccinale probabilmente lo Stato avrebbe assunto su se stesso la responsabilità di decisioni che oggi affida alla volontà del cittadino“.

È importante evitare di scegliere la via dell’ottusità: se un datore di lavoro vuole decidere di assumere su di sé il costo del tampone non comprendo perché glielo si debba impedire – prosegue l’assessore alla Salute – Non ci vedo nulla di strano, serve solo mettere in sicurezza il comparto economico, è un difficile equilibrio“, conclude.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Squid game: il gioco dell’anno

C'è una serie tv di cui in questi giorni tutti parlano in decine di rubriche, articoli e servizi televisivi: mi riferisco a "Squid Game". Qualcuno ha accostato questa serie all'altro exploit Netflix, la Casa di carta, sia perché entrambe sono diventate un successo mondiale in pochissimo tempo con il solo passaparola
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin