Sicilia ferma ai Borbone, il Sinalp: "Viabilità siciliana vergognosa e al collasso" :ilSicilia.it

Lettera aperta al Governo Nazionale e Regionale

Sicilia ferma ai Borbone, il Sinalp: “Viabilità siciliana vergognosa e al collasso”

23 Giugno 2019

Dopo una attenta analisi del sistema viario della Sicilia effettuato grazie all’aiuto delle 87 sedi Sinalp presenti nella nostra regione “possiamo affermare senza tema di smentita che se Cristo si è fermato ad Eboli, la Sicilia si è fermata ai Borbone e da allora niente ci è più permesso e dovuto”, scrive in una nota il sindacato dei lavoratori e dei pensionati.

“La nostra rete viaria – prosegue il Segretario Sinalp Sicilia, Andrea Monteleoneall’80% del sistema è ancora strutturata per come fu progettata dai Borbone, ultima vera volta che un Governo Centrale mise mano al sistema viario Siciliano. Da allora tranne la rete autostradale e qualche superstrada niente è stato fatto. Per raggiungere alcune cittadine siciliane bisogna quantomeno noleggiare un fuoristrada e non è detto che sia sufficiente.  

il Segretario Sinalp Sicilia Andrea Monteleone
Andrea Monteleone

Da sempre si parla delle due fantomatiche arterie stradali che dovrebbero collegare i siciliani dalla provincia di Messina con l’Agrigentino e Caltanissetta. Attualmente un cittadino di Barcellona Pozzo di Gotto o di Milazzo fa prima a raggiungere con l’auto Roma che Agrigento o Gela.

All’interno di questo quadro drammatico, per non usare altre più colorite espressioni, con il passato Governo Crocetta abbiamo assistito al vergognoso tentativo di “regalare” il Consorzio Autostrade Siciliane all’Anas con la scusa che avrebbero gestito meglio la manutenzione e l’organizzazione delle autostrade interessate. In quell’occasione il Sinalp è stato l’unico sindacato lavoratori che ha denunciato il vergognoso tentativo di “regalia” e si è opposto, difendendo le maestranze ed i lavoratori del CAS, dalla sicura perdita del loro posto di lavoro e dall’istituzione del pedaggio unico regionale che avrebbe aggravato ancor di più i bilanci dei Siciliani.

Ad Aprile 2015 crolla il viadotto Himera dell’Autostrada A19 Palermo-Catania gestita, guarda un po’, da quell’Anas che acquisendo il nostro CAS avrebbe migliorato la manutenzione del nostro sistema viario.

VIADOTTO HIMERAIl ponte crolla pur sapendo tutti che da circa 10 anni esisteva un continuo smottamento del terreno che lentamente scendendo a valle andava ad abbattere il pilone autostradale e nessuno ha avuto un seppur minimo rigurgito di “dignità” e predisporre un intervento contenitivo dello smottamento salvaguardando il ponte.

Siamo a Giugno del 2019 ed ancora non si ha alcuna notizia in merito al rifacimento e il riposizionamento del nuovo ponte, lavoro importante certamente ma sicuramente non complesso o difficile da realizzare”.

E poi c’è il viadotto Morandi di Agrigento: “Con tutto il rispetto e la solidarietà verso i nostri fratelli genovesi per la tragedia subita – prosegue il Sinalp Sicilia – ad agosto 2018 l’intera Italia ha assistito alla caduta del ponte Morandi, tragedia di proporzioni enormi. viadotto Morandi AgrigentoDa Agosto 2018 a giugno 2019 non solo lo Stato Italiano a Genova ha già abbattuto quel che restava del Ponte Morandi, ha abbattuto gli edifici realizzati sotto di esso, e per inciso in questo caso essendo al Nord non si è gridato allo scandalo speculativo e cementizio o all’abusivismo selvaggio, ha approvato il nuovo progetto ed ha già realizzato il primo pilone del nuovo ponte che quasi sicuramente sarà completato a Dicembre 2019.

In Sicilia ancora attendiamo di sapere come, quando e se verrà realizzato il nostro ponte. Lo Stato Italiano per il ponte di Genova, e non ce ne vogliano i genovesi che hanno tutta la nostra solidarietà, vista anche la complessità del lavoro da fare, ha stanziato oltre 200 milioni di euro e già hanno iniziato a ricostruire.

Per il viadotto Himera della Palermo-Catania, vista la maggiore semplicità dei lavori da realizzare, lo Stato ha stanziato solo 11 milioni di euro ma da Aprile 2015 a giugno 2019 ancora non c’è alcuna traccia di ricostruzione di un nuovo ponte e ci prendono in giro dicendo che forse il tutto si realizzerà a maggio 2020, ben oltre 5 anni dal tragico evento ed è comunque una ipotesi non la certezza.

Siamo figli di un Dio minore? Sicuramente, ma anche cittadini di Serie B, ma anche cittadini rappresentati da politici incapaci, ma anche rappresentanti del Governo Regionale che non si rendono conto dell’enorme danno che i siciliani subiscono per ogni mese che passa senza alcuna soluzione. Politici che non hanno il coraggio di imporre delle soluzioni concrete ed immediate, politici che continuano a raccontare stupidaggini trincerandosi dietro leggi e norme che vanno rispettate e che impediscono la celerità dell’avvio dei lavori per la nostra stessa sicurezza.

maglevMa a Genova hanno altre norme? Altre leggi? Se si allora anche noi Siciliani vogliamo le leggi genovesi. La vogliamo smettere di dover subire queste “angherie” dallo Stato e di denunciare l’inefficienza ed incapacità dei nostri politici che hanno dimostrato con i fatti di non avere alcuna capacità di trattare da pari con lo stato italiano?

Infine chiediamo al governo Nazionale di non far trasmettere sul territorio Siciliano gli spot pubblicitari che riguardano viabilità ed alta velocità ferroviaria perché siamo stanchi di subire, oltre al danno, anche lo sfottò nazionale”.

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Sembra facile?

"A volte sentire parlare la massa ti mette nelle condizioni di dover contare fino ad un milione per non esplodere in violente risposte davanti a palesi affermazioni ipocrite o davanti alle omissioni". Dal blog Epruno, di Renzo Botindari
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.