18 Luglio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 10.31

venerdì scorso l'impugnativa

Sicilia, Finanziaria “stoppata” da Palazzo Chigi. Armao: “Ricorso alla Consulta”

10 Luglio 2018

La Finanziaria regionale è stata impugnata dal governo centrale e adesso occorre procedere a ritmo cadenzato. “Ne ho parlato col presidente Musumeci e con l’ufficio legislativo e legale, sulle norme per il precariato impugnate ragioniamo se resistere davanti alla Corte Costituzionale, per altre invece faremo gli aggiustamenti necessari”. Così l’assessore regionale all’Economia, Gaetano Armano, alla presenza del presidente dell’Ars Gianfranco Miccichè, durante l’incontro organizzato da Forza Italia.

Il nodo della questione è quello della Finanziaria regionale approvata ad aprile e  impugnata dal governo centrale venerdì scorso. Stabilizzazione dei precari degli enti locali, dei Pip del bacino di Palermo, la promozione dei 400 tecnici dei Beni Culturali: sono solo alcuni degli articoli che il Consiglio dei Ministri ha deciso di stoppare per vederci chiaro.

Secondo Palazzo Chigi, alcune norme andrebbero in direzione opposta rispetto alle politiche nazionali in materie che non sono concorrenti ossia quelle in cui la Regione non ha potestà legislativa (può decidere solo Roma). Altre, invece, potrebbero dare luogo a delle eccezioni di costituzionalità. Adesso si apre all’ipotesi di ricorrere alla Consulta. 

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Prendiamo consapevolezza

Un consiglio da affidare alle suppliche a Santa Rosalia: mettiamo da parte gli slogan, i “nemici da cuntintizza”, gli specchietti per le allodole, prendiamo consapevolezza per una volta che siamo nella merda. Lavoriamo per coprire il gap che ci separa dalle grandi città e un domani sarà tutto consequenziale, anche il pallone.
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

“Meglio soli…” La Lega primo partito non ha nessuno nei posti di comando

In Sicilia, terra di paradossi, anche la politica non si sottrae a questa "legge di natura". Fra i tanti, quel che colpisce è che la Lega, primo partito italiano, che le europee hanno consacrato - con oltre il 20 per cento dei voti - come seconda forza politica nell'Isola dopo il M5S, non ha alcuna rappresentanza né all'Assemblea regionale siciliana e nemmeno nel governo regionale.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.