Sicilia, Forza Italia scalda i motori per le prossime amministrative: una nuova squadra affiancherà Miccichè :ilSicilia.it

Sicilia, Forza Italia scalda i motori per le prossime amministrative: una nuova squadra affiancherà Miccichè

di
16 Ottobre 2019

Forza Italia in Sicilia riparte da una squadra totalmente rinnovata che affiancherà Gianfranco Miccichè in vista della prossima tornata elettorale per le amministrative in primavera.

Ad annunciare i componenti del nuovo ufficio politico è lo stesso commissario regionale azzurro: il gruppo di lavoro sarà costituito dai due padri nobili di Forza Italia in Sicilia, Renato Schifani e Stefania Prestigiacomo, dagli assessori regionali Bernardette Grasso e Marco Falcone, dal capogruppo azzurro all’Assemblea Regionale Siciliana, Tommaso Calderone, e dall’europarlamentare Giuseppe Milazzo.

“L’ufficio politico – dice il commissario regionale Gianfranco Miccichè – sta già calendarizzando gli incontri sul territorio, comune per comune, con l’obiettivo di rinnovare profondamente il partito, così come richiesto dal presidente Berlusconi. Partiremo, a giorni, con le nomine dei nuovi coordinatori provinciali e gli incontri preparatori alle candidature e alle alleanze per le amministrative di maggio 2020”.

 

LEGGI ANCHE:

“Bar Sicilia” sesta puntata, ospite in redazione Gianfranco Miccichè [VIDEO]

© Riproduzione Riservata
Tag:

‘La caduta, eventi e protagonisti in Sicilia: 1972-1994’: l’analisi di Calogero Pumilia

Calogero Pumilia, per oltre vent’anni deputato democristiano, nel suo “La Caduta. Eventi e protagonisti in Sicilia 1972-1994“, in libreria in questi giorni, ci offre un contributo in questo senso regalandoci una lettura dal di dentro che consente di farci scoprire come molte leggende metropolitane, spacciate per verità storica, debbano essere riviste.
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin