Sicilia: i regionali sospendono la protesta sul contratto :ilSicilia.it

Dopo l'incontro tra i sindacati e l'assessore Zambuto

Sicilia: i regionali sospendono la protesta sul contratto

di
6 Maggio 2021

Sospesa la protesta dei sindacati Cobas-Codir, Sadirs e Ugl Fna in seguito agli impegni presi dall’assessore regionale alla Funzione pubblica, Marco Zambuto.
Oggi si è tenuto un incontro tra i rappresentanti dei sindacati, Marcello Minio, Fulvio Pantano ed Ernesto Lo Verso, e l’esponente del governo Musumeci.

I sindacati avevano annunciato un sit-in contro le mancate risposte sul rinnovo dei contratti di lavoro, sulla riclassificazione e la riqualificazione del personale, la rimodulazione dello smart working e i ritardi nell’erogazione delle spettanze accessorie del comparto e della dirigenze del 2019.

I sindacati hanno ribadito la propria contrarietà alle procedure individuate sull’attività formativa per la progressione orizzontale perché in contrasto con l’accordo sottoscritto nel 2019, comunicando inoltre grosse difficoltà nelle procedure di registrazione per i test di verifica nella piattaforma digitale. Altra questione sollevata è stata la disparità che penalizza oltre 5 mila dipendenti assunti post 2001 ai quali non viene riconosciuto diritto all’anticipazione del Tfr per l’acquisto della prima casa per le spese mediche.

“Ci auguriamo – dicono i sindacalisti – di trovarci di fronte a una inversione di tendenza rispetto anche al recente passato e che agli impegni presi dall’assessore Zambuto seguano finalmente fatti concreti e in tempi rapidissimi. La protesta è solo sospesa”.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin