Sicilia in zona arancione, Donato: "Prezzo inaccettabile per il comparto economico" :ilSicilia.it

L'appello di Confcommercio

Sicilia in zona arancione, Donato: “Prezzo inaccettabile per il comparto economico”

di
15 Marzo 2021

La Sicilia si tinge, ancora una volta, di arancione. Confcommercio Sicilia lancia il suo appello alla Regione Siciliana.

“In Sicilia la situazione emergenziale è di fatto rientrata da fine gennaio  con un crollo costante dei ricoverati. Il passaggio a zona arancione, ed addirittura rossa per Pasqua, è un ulteriore schiaffo ai cittadini ed al comparto della ristorazione”, dichiara l’europarlamentare leghista Francesca Donato.

Faccio mio l’appello di Confcommercio Sicilia, affinché il Presidente della Regione Siciliana negozi con urgenza una revisione del provvedimento per quanto concerne la Sicilia, limitando eventuali passaggi di zona solo per le aree che lo rendano necessario. I protocolli di chiusura adottati in Sicilia– prosegue Donato- sono estremamente pericolosi per la tenuta economica e sociale del sistema, perché la crisi Covid si innesta in una regione con caratteristiche peculiari come l’insularità, e che era già allo stremo. Chiedo immediati segnali di concretezza al governo regionale. Dichiari immediatamente zone bianche le aree provinciali o comunali i cui dati lo consentano, a partire dalle isole minori che non presentano contagiati, come Pantelleria. Ed effettui il passaggio a zona arancione solo laddove sia necessario, dopo una attenta verifica dei dati”.

Ormai è chiaro che la vera soluzione sono le cure domiciliari, come dimostrano i dati più che confortanti delle aree del Piemonte che hanno già attivato i protocolli adeguati. Anche la Sicilia potrebbe adottare senza altri indugi i protocolli di terapia domiciliare in uso in Piemonte come ormai si accingo o a fare altre regioni d’Italia. Solo cosi si possono ridurre al minimo i ricoveri ospedalieri e ancor più quelli in terapia intensiva. E si può finalmente ridare fiducia nel futuro ai siciliani e ripartire, finalmente, davvero”, conclude la Donato.

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Come andato questo giro?

Lo sanno tutti che qui tutto cambia affinché tutto rimanga come prima e per questo per avere una chance dopo aver perso, meglio non farsi nemico l’avversario
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin