Sicilia, incentivi "Resto al Sud" da 1,7 milioni per startup :ilSicilia.it

il fatto

Sicilia, incentivi “Resto al Sud” da 1,7 milioni per startup

di
14 Maggio 2021

Per favorire la ripresa economica e sostenere le start-up siciliane, messe in difficoltà dalla pandemia da Covid-19, la Regione siciliana rende disponibile anche per il 2021, a chi ha scelto di avviare le proprie attività imprenditoriali in Sicilia usufruendo degli incentivi “Resto al Sud“, uno strumento finanziario rafforzato con il quale sostenere lo sviluppo d’impresa e contrastare l’emigrazione di giovani professionalità, in questo periodo di grave crisi economica.

Dal 15 al 31 maggio, pertanto, sarà possibile presentare l’istanza ai fini del riconoscimento per l’anno 2021 del contributo, erogabile sotto forma di credito d’imposta, previsto dall’art. 17 della L.R. 12.05.2020, n. 9, riservato ai soggetti beneficiari della misura agevolativa “Resto al Sud”. I fondi disponibili ammontano a 1,7 milioni di euro. Il credito è parametrato ad alcune voci d’imposta di spettanza regionale tra le quali: l’addizionale regionale Irpef, la tassa automobilistica per gli automezzi di proprietà immatricolati in Sicilia e strettamente necessari al ciclo di produzione o per il trasporto in conservazione condizionata dei prodotti e l’imposta di registro, ipotecaria e catastale e di bollo per l’acquisto di beni immobili ricadenti nel territorio regionale, purchè connessi allo svolgimento dell’attività.

Le istanze dovranno essere compilate utilizzando l’applicativo – accessibile mediante Sistema pubblico di Identità digitale (Spid), livello 2 – che sarà reso disponibile alla pagina dedicata: https://restoalsud.regione.sicilia.it

© Riproduzione Riservata
Tag:

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin