Sicilia, Musumeci: "Stanchi di essere periferia d'Europa" :ilSicilia.it

la dichiarazione

Sicilia, Musumeci: “Stanchi di essere periferia d’Europa”

di
26 Luglio 2021

“La Sicilia è strategica anche economicamente, non solo militarmente. Perché non darle un porto hub? Perché i treni veloci sono un’utopia e il ponte sullo Stretto è solo oggetto di tavole rotonde? Il nostro obiettivo è passare da area periferica a area centrale del Mediterraneo”.

Lo ha detto il presidente della Regione siciliana Nello Musumeci intervenendo alla prima puntata di Tgcom24Tour, in onda su Tgcom24 lanciando un appello ai Paesi europei a investire in Sicilia.

“Vogliamo un ruolo strategico – ha aggiunto intervistato da Paolo Liguori – siamo stanchi di essere considerati periferia d’Europa, perciò abbiamo chiesto al Governo di prestare attenzione alle infrastrutture. Solo grazie alle infrastrutture potremmo diventare competitivi”.

“Ereditiamo una Regione che era considerata la più grande azienda della Sicilia, la pubblica amministrazione era un ammortizzatore sociale. E tutto questo ha penalizzato l’impresa. Il nostro obiettivo del governo è stato di rimettere l’azienda al centro della nostra azione politica”. Lo ha detto il presidente della Regione, Nello Musumeci, partecipando a TgCom Tour intervistato dal direttore Paolo Liguori. “Abbiamo speso oltre due miliardi di euro in fondi europei in beni e servizi per mettere le imprese nelle condizioni di lavorare”, ha aggiunto.

“Sono state molte le opportunità che abbiamo perso nel passato per colpe romane e queste omissioni adesso possono essere riparate o compensate. E questo è l’obiettivo che abbiamo posto al Governo”. Lo ha detto il presidente della Regione, Nello Musumeci intervistato da Paolo Liguori nel corso di Tg Com Tour.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Dagli sceneggiati alle serie TV

Mi sono avvicinato alla serialità televisiva negli anni 70, quando esisteva solo la Rai che trasmetteva con grande successo di ascolti, quelli che a quei tempi venivano chiamati sceneggiati tv
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin