Sicilia. Partigiani dem: "Sicilia futura fuori dal centro sinistra" :ilSicilia.it

A parlare a nome del partito Antonio Ferrante

Sicilia. Partigiani dem: “Sicilia futura fuori dal centro sinistra”

di
29 Marzo 2018

Antonio Ferrante, a nome dei Partigiani Pd, ha commentato il voto di ieri all’Ars affermando che “Ormai è chiaro che Sicilia Futura è organica alla maggioranza di centrodestra e auspichiamo che ne prendano atto anche quelle correnti del nostro partito che ancora la considerano un alleato“.

Chi sostiene questo governo e questa maggioranza, frammentati e incapaci di proporre riforme perché impegnati solo sui posizionamenti di potere, non può rimanere alleato del Pd – aggiunge – che deve ritrovare la propria anima ed essere protagonista della ricostruzione del centrosinistra in Sicilia e nel Paese”.

“Il progetto di riforme del governo Musumeci è tramontato – conclude – per far posto a logiche di spartizione interne al centrodestra, ragione che deve portarci ad un’opposizione dura e inattaccabile sotto il profilo della coerenza, prendendo le distanze da chi, come Sicilia Futura, dopo il voto a Miccichè ha palesato la volontà di saltare il fosso“.

Gli fa eco il capogruppo all’Ars di Sicilia Futura, Nicola D’Agostino: “Questi partigiani del piffero prima di scrivere, giudicare ed incensarsi di immenso, ricordino che mentre lor signori continuavano a distruggere il Pd (magari votando alle Politiche per il M5S), il sottoscritto (senza alcuna necessità e senza averlo richiesto) difendeva il simbolo del partito candidandosi in uno dei sicuri perdenti collegi uninominali.”.

Secondo il deputato la sua scelta merita “Un rispetto senza uguali” e bolla il comportamento dei dissidenti Dem come quello di “Poveri miserabili“.

“Se il Pd rimane ancora luogo di rancori, vendette e supremazie morali siamo perduti – continua – e il modo di stare all’opposizione per Sicilia Futura lo decidiamo noi. La retorica e l’ipocrisia della finta strenua opposizione – conclude – non per noi”. 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.