Sicilia penalizzata sui voli, interpellanza di Forza Italia :ilSicilia.it

prima firmataria Giusi Bartolozzi

Sicilia penalizzata sui voli, interpellanza di Forza Italia

di
4 Novembre 2019

Un gruppo di deputati siciliani di Forza Italia ha presentato un’interpellanza al Ministro delle infrastrutture e dei trasporti e il Ministro per il Sud, di cui la prima firmataria è Giusi Bartolozzi e a seguire hanno firmato Stefania Prestigiacomo, Matilde Siracusano, Nino Germanà, Nino Minardo e Francesco Scoma.

La Sicilia al pari della Sardegna è riconosciuta Isola dall’ordinamento europeo si sensi dell’art. 174 TFUE (risoluzione del parlamento europeo 4 febbraio 2016) ma, a differenza di quest’ultima, non gode del regime di continuità territoriale; l’insularità è riconosciuta quale condizione di svantaggio permanente cui gli stati membri e l’Unione devono far fronte; con accordo del 18 dicembre 2018, siglato dal Presidente della Regione siciliana on. Nello Musumeci e il Ministro dell’Economia, le parti si sono impegnate ad individuare misure di riequilibrio per far fronte alla condizione di insularità; da ultimo, la Corte costituzionale con la sentenza n. 6 del 2019 ha prescritto che negli accordi tra Stato e regione si tenga conto degli svantaggi strutturali permanenti e dei costi dell’insularità; da alcune settimane la compagnia Vueling ha deciso di sopprimere i voli tra la Sicilia e il resto d’Italia”, si legge nella premessa dell’interpellanza.

“La scelta, operativa dall’inizio di ottobre, ha altresì causato – oltre alla rarefazione dei collegamenti aerei – l’ulteriore lievitare dei prezzi dei biglietti da parte delle due compagnie rimaste su questa tratta, ovvero Alitalia e Ryanair; già da oggi, ma soprattutto durante il periodo delle prossime festività, molti siciliani, costretti a vivere fuori, dovranno pagare scandalose tariffe ad oltre 500 euro a tratta; la situazione versa in stato di forte criticità considerato che il trasporto aereo è l’unico mezzo di collegamento di cui può servirsi un siciliano in assenza di tutte le altre infrastrutture, a iniziare dall’alta velocità ferroviaria“, aggiungono i deputati di Forza Italia.

Se non intenda intervenire immediatamente su ENAC, Autorità di regolazione del Settore, allo stato del tutto inerte, affinché le tariffe aeree siano sottoposte ad un price cap; se non ritenga necessario intervenire a regime per evitare la marginalizzazione della Sicilia rispetto al resto del Paese, inserendo nella prossima legge di bilancio una norma che permetta di calmierare i prezzi dei biglietti aerei da e per la Sicilia“, conclude il gruppo dei deputati siciliani.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv Medical Drama: Emozioni in corsia

Di serie tv Medical Drama ( serie tv ambientate in ospedale) ne sono state realizzate moltissime; soprattutto in questi ultimi anni, alcune  hanno riscosso un tale successo che i protagonisti sono diventati i medici o gli infermieri che tutti noi vorremmo incontrare

Blog

di Renzo Botindari

E se fosse colpa del “mal bianco”?

La nostra città è come una bella pianta ammalata e piena del “mal bianco”, un grosso parassita che tarpa qualunque fioritura e che non permette ai fiori di schiudersi.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin