Sicilia, presentate proposte ZES. M5S: "Ampliare incentivi economici, Ridurre gap con il Nord" :ilSicilia.it

LA DICHIARAZIONE DELLA DEPUTATA ALAIMO

Sicilia, presentate proposte ZES. M5S: “Ampliare incentivi economici, Ridurre gap con il Nord”

di
22 Aprile 2021

È in corso a Roma la conferenza stampa di presentazione al Ministero del Sud delle proposte studiate dal Movimento 5 Stelle per valorizzare le ZES (Zone Economiche Speciali) in Sicilia e incentivare lo sviluppo delle zone comprese in queste aree.

Per la provincia di Palermo la ZES comprende: Palermo con l’area portuale e retroportuale, il mercato ortofrutticolo, la stazione Sampolo, l’agglomerato industriale di Brancaccio e l’area Partanna-Mondello; Carini con l’agglomerato industriale; Termini Imerese con l’agglomerato industriale.

A parlare è Roberta Alaimo, deputata alla Camera del Movimento 5 Stelle che fa parte del gruppo di lavoro che ha elaborato le proposte: “È necessario valorizzare le infrastrutture portuali in un’ottica integrata col territorio circostante, comprese le zone industriali limitrofe“.

È per questo che riteniamo necessario ampliare gli incentivi economici – afferma l’esponente cinquestelle – . Dal 1 Aprile le imprese siciliane che decidono di intraprendere una nuova attività nelle zone economiche speciali possono godere di una riduzione del 50% dell’imposta sul reddito derivante dallo svolgimento della loro attività, ma non basta“.

Tra le proposte del Movimento 5 Stelle c’è quella di “costituire dei Comitati di indirizzo e nominare i Commissari straordinari del Governo, con funzioni di coordinamento e semplificazione delle procedure; Integrare la composizione del Comitato di indirizzo con un rappresentante del Ministero della transizione ecologica (MITE) per promuovere una politica green; Prevedere la partecipazione dei Presidenti delle Autorità di sistema portuale al Comitato di indirizzo; Potenziare gli incentivi a favore degli investitori che operano nelle ZES, compresa la possibilità di poter cedere il credito d’imposta ad altri soggetti, anche per la produzione e la distribuzione di Idrogeno Rinnovabile; intervenire sulla manutenzione infrastrutturale (rete viaria, illuminazione etc.) e sulla implementazione/completamento della connettività (banda ultralarga); Assumere personale qualificato per le unità di staff delle figure commissariali; offrire anche assistenza gratuita nella gestione di tutte le formalità connesse all’investimento“.

Ripartiamo dal Sud – conclude Alaimo –. Le Zone Economiche Speciali sono un investimento importante per il rilancio del nostro territorio, un’occasione da non perdere per ridurre il gap con il Nord“.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La strada ed il pallone

Quanti di voi sono cresciuti giocando per strada, hanno frequentato le scuole pubbliche, dovendo crescere a volta prima del previsto? Cosa oggi hanno imparato e cosa possono consigliare alle nuove generazioni?

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv: tante le novità in arrivo

Terminato o allentato il blocco delle produzioni a causa della pandemia, le nuove stagioni di molte Serie tv (alcune delle quali  attesissime perché conclusive) arriveranno a breve sugli schermi

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Aldo Rizzo: una risorsa sprecata

Nei giorni scorsi abbiamo appreso la triste notizia della scomparsa di Aldo Rizzo conosciuto e apprezzato prima come magistrato e poi come politico e amministratore pubblico.
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin