Sicilia Queer Filmfest 2018: per l'ottava edizione uno sguardo globale all'arte contemporanea :ilSicilia.it
Palermo

Dal 31 maggio al 6 giugno

Sicilia Queer Filmfest 2018: per l’ottava edizione uno sguardo globale all’arte contemporanea

di
21 Maggio 2018

L’ottava edizione il “Sicilia Queer Filmfest“, in programma dal 31 maggio al 6 giugno ai Cantieri Culturali della Zisa, si aprirà con l’anteprima internazionale del film di Stefano Savona La strada dei Samouni“, appena proclamato vincitore del “Oeil d’or”, Premio come Miglior Documentario, al Festival di Cannes.

sq18

Il film, potente documentario di creazione di uno dei più importanti rappresentanti del cinema italiano contemporaneo e film tragicamente attuale nei giorni che seguono il trasferimento dell’Ambasciata americana a Gerusalemme e i continui raid israeliani sulla Striscia di Gaza, sarà presentato il 31 maggio presso il Cinema de Seta; la proiezione sarà preceduta, alle ore 20.30, dallo spettacolo “Questo corpo che mi vuole bene” del gruppo La rappresentante di lista.

Il Festival, che in questi anni ha abituato il pubblico al suo divenire creativo, instabile e innovativo e che con costanza porta avanti il grande cinema a Palermo, quest’anno offrirà un’edizione particolarmente attenta alla scena artistica contemporanea di tutto il mondo, da Beirut a Parigi, da Londra a Los Angeles.

andrea-inzerillo

Non è una rassegna, è un Festival, un progetto“. esordisce così Andrea Inzerillo, direttore artistico della manifestazione, che nell’anno di Palermo capitale Italiana della Cultura amplia il suo respiro internazionale

Dal Premio Nino Gennaro 2018 al fotografo tedesco Wolfgang Tillmans, primo fotografo non britannico a vincere il prestigioso Turner Prize, nel 2000, tra gli artisti contemporanei che con maggior intensità hanno esplorato il potenziale della fotografia; alla personale dedicata a Catherine Opie tra le più stimate fotografe americane contemporanee; la collettiva curata dal regista libanese Roy Dib; e ancora le installazioni in anteprima dei registi francesi Vincent Dieutre e Arnold Pasquier a cui si aggiunge il debutto nel lungometraggio dell’artista franco-algerino Neïl Beloufa.

Il Sicilia Queer Filmfest proporrà 8 lungometraggi in concorso nella sezione Nuove Visioni e 16 cortometraggi in competizione per il Queer Short.

Yann Gonzalez

Fanno parte dell‘edizione 2018 anche: le opere fuori concorso di Panorama Queer, la sezione Presenze con la retrospettiva integrale sul regista e attore francese Jacques Nolot, le due sezioni di storia del cinema Retrovie italiane e Carte postale à Serge Daney, la sezione Eterotopie quest’anno dedicata al Libano, oltre alle presentazioni di libri delle Letterature Queer in  collaborazione con il festival Una marina di libri.

Numerosi saranno inoltre gli appuntamenti collaterali, le performance, gli incontri, i concerti e i workshop in programma.

Il 6 giugno chiuderà i battenti della stagione l’anteprima di “Un couteau dans le coeur” di Yann Gonzalez (presente al Festival), thriller  in concorso al Festival di Cannes e interpretato tra gli altri da Vanessa Paradis, Kate Moran, Nicolas Maury. Un lieto ritorno del regista francese che al Sicilia Queer aveva già presentato i suoi precedenti lavori.

Sul sito del Festival tutto il programma dettagliato.

Il “Sicilia Queer Filmfest” è realizzato con il sostegno dell’Assessorato alla Cultura del Comune di Palermo, della Sicilia Film Commission, presieduta da Alessandro Rais, e dell’Institut Français e il Goethe Institut, dell’Instituto Cervantes di Palermo e il Forum Austriaco della Cultura.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.