Sicilia. Rifiuti speciali: le apparecchiature elettriche ed elettroniche non potranno essere gettate nei cassonetti :ilSicilia.it

A partire da agosto

Sicilia. Rifiuti speciali: le apparecchiature elettriche ed elettroniche non potranno essere gettate nei cassonetti

di
25 Maggio 2018

Dalle carte di credito con microchip ai bambolotti parlanti con cui giocano le bambine, dalle macchinine elettriche alle semplici prolunghe che tutti abbiamo in casa o ancora il piccolo telecomando per automazione, per fare alcuni esempi: da agosto prossimo saranno considerati RAEE, rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche, e, pertanto, dovranno essere smaltiti esclusivamente attraverso le “isole ecologiche” e non gettati nei cassonetti della spazzatura.

Lo stabilisce una direttiva della Comunità Europea che l’Italia ha recepito e che consentirà di destinare questi “rifiuti speciali” a nuova vita tramite il riciclo.

Il danno causato all’ambiente da una raccolta non differenziata correttamente è inimmaginabile – dice Maurizio Calaciura, presidente di Ancra Confcommercio Sicilia, l’associazione aderente a Confcommercio che riunisce i commercianti di radio, tv, materiale elettrico ed elettronico – L’Unione Europea è inflessibile su questi temi e i regolamenti emanati dettano regole ben precise. La Sicilia è fanalino di coda, in Italia, per la raccolta di rifiuti RAEE, pur avendo sull’Isola due grossi impianti in grado di lavorare e avviare a riutilizzo, sotto forma di nuove materie prime, le apparecchiature elettriche ed elettroniche giunte a fine vita, senza doverle trasferire in altre regioni”.

L’avvio di questo ciclo virtuoso, una volta a regime, secondo gli esperti, creerebbe circa 2.000 nuovi posti di lavoro in tutta la Sicilia e muoverebbe un indotto che darebbe una grande spinta alla nostra economia.

Abbiamo lavorato insieme le organizzazioni di settore di Confcommercio, Confartigianato, Casartigiani e Unicoop Sicilia per mettere a punto un progetto per la costituzione di micro aree ecologiche a basso impatto ambientale, dove i cittadini potranno consegnare gratuitamente i rifiuti Raee – aggiunge Calaciura –

Il prossimo 11 giugno, a Palazzo dei Normanni, a Palermo, metteremo insieme, attorno a un tavolo, le suddette organizzazioni di categoria e le Istituzioni. L’obiettivo è unico: creare e far partire le micro aree ecologiche per migliorare l’ambiente in cui viviamo. Presenteremo una proposta di legge che, seguendo l’attuale Accordo di Programma RAEE Sicilia di 2° livello in vigore, firmato con noi di Ancra Sicilia nel luglio 2015, crei oggi le condizioni legislative opportune per il totale recepimento della normativa nazionale, realizzando il progetto collegato, attraverso la creazione di un capitolo di spesa specifico nel bilancio Regionale.

Il progetto sarà di tipo infrastrutturale e formativo, per la realizzazione delle micro aree ecologiche, già inserite dalla 13esima Commissione Permanente Ambiente del Senato nel testo del D.Lgs 49\2014 quale strumento organizzativo in aree svantaggiate come la Sicilia. Le aree – conclude Calaciura – dovranno essere incrementate numericamente e consentire il conferimento anche al pomeriggio, non soltanto poche ore al mattino“.

In Sicilia la raccolta procapite di rifiuti RAEE è ancora molto bassa, si attesta sui 2,77 chilogrammi annui per abitante e rimane al penultimo posto a livello nazionale.

Dobbiamo riuscire a ridurre fino ad azzerarla la dispersione di rifiuti Raee – conclude Calaciura – perchè non dobbiamo dimenticare che si tratta di rifiuti pericolosi per l’uomo e l’ambiente“.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La Cosa Giusta

Il mio mondo è pieno di individui che hanno preso le scorciatoie e che con la loro scarsa morale minano alla base giornalmente i nostri principi essendo esempio di una classe vincente

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Fine del Referendum?

Il voto delle amministrative del 12 giugno, i suoi risultati, con l’esultanza dei vincitori e la delusione degli sconfitti con il carico di polemiche e di recriminazioni, ha messo in ombra fino alla sua rimozione

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.