Sicilia: Ritrovati due sub morti e carichi droga nelle spiagge :ilSicilia.it

Tra Cefalù e Castel di Tusa

Sicilia: Ritrovati due sub morti e carichi droga nelle spiagge

12 Gennaio 2020

Recuperati tra il 31 dicembre e l’8 gennaio,  i corpi di due sub a pochi chilometri di distanza sul litorale tirrenico, tra Cefalù e Castel di Tusa.  Potrebbero essere in qualche modo collegati con il ritrovamento di alcuni carichi di hashish in diverse spiagge siciliane.

Sulla vicenda stanno indagando cinque procure dell’isola: Agrigento, Trapani, Termini Imerese, Patti e Messina, nei cui territori sono stati effettuati i ritrovamenti..

Nessuna denuncia di scomparsa è stata presentata, né risultano naufragi di barche, ma gli uomini hanno dei tatuaggi che potrebbero velocizzare l’identificazione.

Il procuratore di Patti, Angelo Cavallo, ipotizza che quei due morti, recuperati a trenta chilometri di distanza uno dall’altro, si trovassero sulla stessa imbarcazione che stava trasportando un grosso carico di hashish, e che siano forse vittime di un naufragio.

La droga, dello stesso tipo e confezionata allo stesso modo, è stata scoperta nei giorni scorsi sul litorale di Capo D’Orlando, in una frazione balneare di Castelvetrano e sulla spiaggia di San Leone ad Agrigento. In tutto 98 chili di hashish confezionati in panetti, per un valore di un milione di euro.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Io guardo e rido, in questo momento

Io credevo che il vecchio mondo, i grandi popoli stessi avrebbero condiviso la loro parte migliore per far nascere una Europa grande unica e coesa che desse il meglio di sé stessa e invece alle prime difficoltà serie, abbandonati codici e decimetri, son venute fuori le profonde differenze e gli egoismi.
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

“Calati juncu, ca passa la china”

Al famoso termine‘resilienza’, oggi abusato ben oltre il campo d’indagine della psicologia, perché fa trendy ed è dunque omologato e omologante, voglio opporre un proverbio siciliano: “Calati juncu, ca passa la china”, ovvero “Giunco, piegati per fare passare la piena del fiume”
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Covid 19: cosa è bene sapere

Tutti e tre questi virus hanno come serbatoio animale i pipistrelli. Il passaggio delle infezioni virali da animale a uomo sono molto rare ma nel caso dei coronavirus sopra riportati il virus è riuscito a passare nell’essere umano e si è diffuso da persona a persona