Sicilia: Ritrovati due sub morti e carichi droga nelle spiagge :ilSicilia.it

Tra Cefalù e Castel di Tusa

Sicilia: Ritrovati due sub morti e carichi droga nelle spiagge

di
12 Gennaio 2020

Recuperati tra il 31 dicembre e l’8 gennaio,  i corpi di due sub a pochi chilometri di distanza sul litorale tirrenico, tra Cefalù e Castel di Tusa.  Potrebbero essere in qualche modo collegati con il ritrovamento di alcuni carichi di hashish in diverse spiagge siciliane.

Sulla vicenda stanno indagando cinque procure dell’isola: Agrigento, Trapani, Termini Imerese, Patti e Messina, nei cui territori sono stati effettuati i ritrovamenti..

Nessuna denuncia di scomparsa è stata presentata, né risultano naufragi di barche, ma gli uomini hanno dei tatuaggi che potrebbero velocizzare l’identificazione.

Il procuratore di Patti, Angelo Cavallo, ipotizza che quei due morti, recuperati a trenta chilometri di distanza uno dall’altro, si trovassero sulla stessa imbarcazione che stava trasportando un grosso carico di hashish, e che siano forse vittime di un naufragio.

La droga, dello stesso tipo e confezionata allo stesso modo, è stata scoperta nei giorni scorsi sul litorale di Capo D’Orlando, in una frazione balneare di Castelvetrano e sulla spiaggia di San Leone ad Agrigento. In tutto 98 chili di hashish confezionati in panetti, per un valore di un milione di euro.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

Docenti indecenti

Noi docenti siamo dei ladri: abbiamo tre mesi di vacanza in estate, rubiamo lo stipendio anche durante le vacanze di Natale e di Pasqua, per
Blog
di Renzo Botindari

“Sulle Rive del Don”

Per noi bambini, lui aveva il potere “di vita e di morte” sul marciapiede davanti la portineria, all'epoca tutti i portieri erano dei "Don", oggi sostituiti da un videocitofono.
Blog
di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.