Sicilia, Sant'Elia: continuano atti di vandalismo e danni al decoro urbano :ilSicilia.it
Palermo

Gli abitanti presentano un esposto: "La situazione è ingestibile"

Sicilia, Sant’Elia: continuano atti di vandalismo e danni al decoro urbano

di
24 Luglio 2018

Continua ad aggravarsi la situazione a Sant’Elia, frazione del Comune di Santa Flavia. Danni al decoro urbano, disturbo delle quiete pubblica, abbandono di rifiuti, atti di vandalismo continuano a ripetersi a tutte le ore del giorno, creando notevoli disagi agli abitanti.

La situazione è oltretutto aggravata dall’assenza di illuminazione pubblica, in gran parte della zona, e dall’insufficienza di personale della polizia municipale, che rende possibile infrangere facilmente il divieto di transito per autoveicoli nelle aree pedonali.

Questa situazione arreca, inoltre, gravi danni alle strutture ricettive della zona poiché, nonostante l’attrattività del litorale, non possono garantire ai turisti il decoro e la pulizia del luogo, tanto da indurre gli abitanti a far pulire il lungomare a proprie spese.

La drammatica situazione era già stata denunciata nel luglio dello scorso anno, attraverso un esposto sottoscritto dai cittadini di Sant’Elia costituitisi in libero comitato, senza però sortire alcun esito significativo. Oggi gli stessi chiedono l’intervento immediato da parte delle autorità competenti, per tutelare la sicurezza degli abitanti della zona, rispetto ad una situazione diventata ormai insostenibile.

Inoltre, lunedì 30 luglio, in occasione della convocazione del Consiglio Comunale di Santa Flavia, una delegazione di cittadini interverrà in merito all’esposto avanzato dal Comitato, per chiedere attenzione sulla vicenda, nonché l’istituzione di un tavolo tecnico per gestire tempestivamente la situazione.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Ferranti