Sicilia, seimila firme contro la giunta regionale tutta al maschile :ilSicilia.it

L'INIZIATIVA

Sicilia, seimila firme contro la giunta regionale tutta al maschile

di
4 Gennaio 2021

Ha superato quota seimila firme la petizione lanciata dalla Cgil contro il rimpasto della giunta regionale siciliana deciso a fine anno dal presidente Nello Musumeci ma non ancora formalizzato con la firma dei due nuovi assessori. Un rimpasto che, una volta ufficializzato, toglierebbe dal governo siciliano l’unica donna, Bernadette Grasso, oltre ad Edy Bandiera. Ma la polemica che si è levata per una giunta tutta al maschile potrebbe portare ad un colpo di scena finale con l’inserimento di una donna in giunta all’ultimo secondo.

Ben venga un ripensamento da parte del presidente della Regione– rilevano il segretario generale della Cgil Sicilia, Alfio Mannino, e Mimma Argurio, componente della segreteria regionale – purché questo non sia il solito “pannicello caldo”. Al loro posto gli assessori designati sono Tony Scilla con delega all’Agricoltura e Marco Zambuto alle Autonomie locali”.

“Lo scivolone di una giunta regionale tutta al maschile non può essere risolto solo con una foglia di fico, come si vocifera voglia fare il presidente Musumeci – dicono Mannino e Argurio – La questione femminile in Sicilia è infatti argomento complesso di cui il tema della rappresentanza è la punta dell’iceberg. Le soluzioni possono venire dunque non da iniziative di facciata ma dal concreto contributo delle donne nelle fasi decisionali, visto che peraltro non ci pare che una politica tutta al maschile abbia prodotto grandi cose per la Sicilia“. Tra le adesioni quelle di rappresentanti del mondo accademico e della cultura di associazioni come l’Anpi, il Centro Pio La Torre e di altre forze sociali come la Confapi.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Dagli sceneggiati alle serie TV

Mi sono avvicinato alla serialità televisiva negli anni 70, quando esisteva solo la Rai che trasmetteva con grande successo di ascolti, quelli che a quei tempi venivano chiamati sceneggiati tv
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin