Sicilia: "Stabilizzazione Asu? Dall'Ars una fake news" :ilSicilia.it

LO DICE ELLA BUCALO, PARLAMENTARE DI FDI

Sicilia: “Stabilizzazione Asu? Dall’Ars una fake news”

12 Ottobre 2019

Se non è una fake news poco ci manca. La notizia in merito alla presunta stabilizzazione dei lavoratori impegnati in ASU, in questi giorni più volte sbandierata come conquista politica, purtroppo tale non è”. La deputata nazionale di Fratelli d’Italia, Ella Bucalo, interviene nel dibattito innescato dalle trionfalistiche dichiarazioni di alcuni parlamentari regionali, dopo l’approvazione dell’Ars di una norma inserita nel testo del “Collegato bis”, riguardante i lavoratori precari.

Bucalo scuola“Questa disposizione concede la possibilità solamente a pochi e non a tutti gli oltre 5.000 precari, di uscire dal privato sociale e passare in utilizzazione anche in Enti Regionali, che però per legge non possono stabilizzarli. Il tutto però, non potrà avvenire in mobilità presso quegli enti pubblici con idonea capacità assunzionale, come previsto dalla vigente normativa regionale. Bisognerà inoltre, redigere un programma di fuoriuscita, adempimento obbligatorio, per quegli Enti utilizzatori interessati alla prosecuzione delle attività socialmente utili, nonché obbligati alla successiva stabilizzazione occupazionale. Ritengo pertanto – conclude la deputata siciliana – non sia giusto illudere così miglia di famiglie, questo provvedimento ci riporta solamente indietro negli anni, ed essendo in palese contrasto con le leggi previgenti, toglie ai beneficiari, la legittima aspettativa della stabilizzazione. Per fare politica ci vuole onestà intellettuale, cosa che nello specifico qualcuno non ha avuto. Personalmente, ferma restando la competenza della Regione, come in passato, ho già posto la questione degli Asu siciliani, all’attenzione del Parlamento”.

 

LEGGI ANCHE:

Ars, speranze per i cinquemila precari Asu. Una luce in fondo al tunnel

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

L’Indivia e l’Invidia?

Ricordate ognuno è ciò di cui si circonda, se ci si circonda del nulla e se si dà spazio al nulla è perché per primi non si crede nel nostro valore e tutto questo credetemi non potrà durare, si ci vorrà ancora del tempo, ma questo “giorno della marmotta finirà”.
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.