Sicilia: "Stabilizzazione Asu? Dall'Ars una fake news" :ilSicilia.it

LO DICE ELLA BUCALO, PARLAMENTARE DI FDI

Sicilia: “Stabilizzazione Asu? Dall’Ars una fake news”

di
12 Ottobre 2019

Se non è una fake news poco ci manca. La notizia in merito alla presunta stabilizzazione dei lavoratori impegnati in ASU, in questi giorni più volte sbandierata come conquista politica, purtroppo tale non è”. La deputata nazionale di Fratelli d’Italia, Ella Bucalo, interviene nel dibattito innescato dalle trionfalistiche dichiarazioni di alcuni parlamentari regionali, dopo l’approvazione dell’Ars di una norma inserita nel testo del “Collegato bis”, riguardante i lavoratori precari.

Bucalo scuola“Questa disposizione concede la possibilità solamente a pochi e non a tutti gli oltre 5.000 precari, di uscire dal privato sociale e passare in utilizzazione anche in Enti Regionali, che però per legge non possono stabilizzarli. Il tutto però, non potrà avvenire in mobilità presso quegli enti pubblici con idonea capacità assunzionale, come previsto dalla vigente normativa regionale. Bisognerà inoltre, redigere un programma di fuoriuscita, adempimento obbligatorio, per quegli Enti utilizzatori interessati alla prosecuzione delle attività socialmente utili, nonché obbligati alla successiva stabilizzazione occupazionale. Ritengo pertanto – conclude la deputata siciliana – non sia giusto illudere così miglia di famiglie, questo provvedimento ci riporta solamente indietro negli anni, ed essendo in palese contrasto con le leggi previgenti, toglie ai beneficiari, la legittima aspettativa della stabilizzazione. Per fare politica ci vuole onestà intellettuale, cosa che nello specifico qualcuno non ha avuto. Personalmente, ferma restando la competenza della Regione, come in passato, ho già posto la questione degli Asu siciliani, all’attenzione del Parlamento”.

 

LEGGI ANCHE:

Ars, speranze per i cinquemila precari Asu. Una luce in fondo al tunnel

© Riproduzione Riservata
Tag:

La GiombOpinione

di Il Giomba

L’epoca dell’ansia

Accusano i giovani di non buttarsi e di aver sempre più paura: siamo sicuri che sia soltanto colpa loro? Non sempre, infatti, le cose sono come sembrano...

Blog

di Renzo Botindari

Sei sempre tu “uomo del mio tempo”

E si, ci sono periodi e questi sono quelli delle mutazioni genetiche, i più fortunati stanno afferrando le scialuppe di salvataggio e qualcuno ha pure fatto fuoco su gli altri fuggitivi pur di avere un posto, gli altri provano a rifarsi una verginità

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Dagli sceneggiati alle serie TV

Mi sono avvicinato alla serialità televisiva negli anni 70, quando esisteva solo la Rai che trasmetteva con grande successo di ascolti, quelli che a quei tempi venivano chiamati sceneggiati tv
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin