Sicilia, timori sulla salute dei cittadini sull'installazione delle antenne 5g. Pino Apprendi invia una nota a Cordaro :ilSicilia.it

la nota

Sicilia, timori sulla salute dei cittadini sull’installazione delle antenne 5g. Pino Apprendi invia una nota a Cordaro

di
31 Maggio 2020

5G, ormai ci siamo. In 120 comuni è partita la sperimentazione, non senza polemiche. Anche se tra qualche mese  gli operatori avvieranno commercialmente le reti 5G, insieme ai dispositivi compatibili, in alcune città italiane è stata avviata la sperimentazione. Di fatto, questa tecnologia prevede di arrivare a 10-50 Gigabit al secondo entro due anni e 100 Gigabit entro il 2025, contro 1 Gigabit dell’attuale 4G adottato in Italia. Promette anche una latenza ridotta in confronto all’LTE, pari a una decina di millisecondi nei primi dispositivi e a seguire un millisecondo.

Una pacchia per i contenuti live ad alta risoluzione, le videochiamate, le applicazioni di internet delle cose in ambito industriale (robot iot), sanitario (telemedicina), trasporti. Tra gli altri vantaggi vi sarà anche la gestione contemporanea di tanti dispositivi.

Ma i pro sono accompagnati da polemiche e timori, come quelli sui campi elettromagnetici sollevati in Belgio. A Bruxelles infatti la ministra regionale Céline Fremault ha bloccato il progetto pilota che avrebbe fornito l’accesso a internet a banda larga 5G a Bruxelles. Il motivo? I tanti, troppi timori sulla salute dei cittadini.

A sollevare qualche dubbio Pino Apprendi del coordinamento Stop Global Warming che ha inviato una nota all’assessore all’Ambiente Toto Cordaro.

Nelle nostre  città  in Sicilia, in questi giorni , c’è un acceso dibattito sulla installazione delle antenne per la rete telefonica 5G. Durante il fermo obbligatorio nelle nostre case abbiamo potuto sperimentare importanti modi per connetterci attraverso le tecnologie moderne e potere svolgere lavori ordinari e straordinari a distanza, per cui ci rendiamo conto della importanza dell’inserimento di nuove tecniche di comunicazione veloce. In ogni caso , non possiamo e non dobbiamo trascurare la salute dei cittadini. Alzare gli occhi verso il cielo ci fa scoprire che in  questi giorni numerose installazioni di antenne sovrastano i nostri palazzi, indipendentemente dal contesto abitativo e dalle precedenti antenne installate.  Onorevole assessore, é  il momento della responsabilità. Bisogna interrompere qualsiasi  nuova installazione di antenne perché  la Sicilia non si è  dotata del Catasto delle Antenne come previsto dalla legge. Fino ad allora ogni atto è  da considerare arbitrario e contro legge“.

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

Docenti indecenti

Noi docenti siamo dei ladri: abbiamo tre mesi di vacanza in estate, rubiamo lo stipendio anche durante le vacanze di Natale e di Pasqua, per
Blog
di Renzo Botindari

“Sulle Rive del Don”

Per noi bambini, lui aveva il potere “di vita e di morte” sul marciapiede davanti la portineria, all'epoca tutti i portieri erano dei "Don", oggi sostituiti da un videocitofono.
Blog
di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.