Sicilia zona gialla, bar e ristoranti aperti per una boccata d'ossigeno | FOTO :ilSicilia.it
Palermo

Il decreto Draghi

Sicilia zona gialla, bar e ristoranti aperti per una boccata d’ossigeno | FOTO

di
17 Maggio 2021

GUARDA LE FOTO IN ALTO

Da oggi la Sicilia si tinge di giallo e, secondo le nuove regole del decreto Covid firmato dal premier Draghiristoranti, bar, locali e tutte le attività di ristorazione generali aprono al pubblico, consentendo ai clienti di sedere e consumare ai tavoli a pranzo e a cena, purché all’aperto. Dal 1 giugno riapriranno anche al chiuso.

Il passaggio alla zona gialla è, certamente, una boccata d’ossigeno per gli esercenti di attività commerciali reduci da un lungo periodo di sofferenza economica, nella speranza di fare reddito e recuperare, per quanto possibile, con l’arrivo della bella stagione che farà transitare nell’Isola milioni di vacanzieri. Perché, si rammenta, che il turismo produce Pil, è il volano economico per eccellenza, per la ripartenza.

L‘emergenza sanitaria da Coronavirus ha determinato una perdita di fatturato da miliardi di euro, e i problemi non mancano a conferma della chiusura di ditte individuali e piccole imprese in questo periodo così buio, che non ce l’hanno fatta a superare la crisi.

Passeggiando tra le vie principali del cuore di Palermo, è possibile notare l’allestimento dei tavolini fuori dai locali, le passeggiate, i cittadini colgono l’occasione di godersi qualche ora di svago presso il proprio bar preferito. Insomma, cadono le restrizioni, mantenendo comunque alto il livello di responsabilità civica e rispettando i protocolli di sicurezza anti covid.

I ristoratori fanno buona accoglienza della clientela, la ripartenza è ancora lenta, ma le riaperture consentono ai commercianti di riorganizzarsi e di auspicare ottimismo per un settore ormai ridotto allo stremo.

Certo, mantenere il coprifuoco alle 22 potrebbe penalizzare i ristoratori, secondo l’Ufficio Studi, infatti, lo slittamento del coprifuoco alle 23 o alle 24 produrrebbe un beneficio per le casse dei locali, garantendo un importante incremento di volumi di affari per i pubblici esercizi.

Una boccata d’ossigeno non indifferente, ma ancora più importante è la ripresa al più presto dell’attività al chiuso perché ci sono bar e ristoranti sprovvisti di spazi all’aperto.

Dopo tante sofferenze si torna finalmente a respirare e provo gioia soprattutto per gli operatori economici, coloro cioè che più hanno finora sofferto. Teniamoci caro questo risultato, con senso di responsabilità e con il rispetto verso le norme di prevenzione. La battaglia finale si vince solo quando tutti i siciliani si saranno accostati al vaccino”, ha commentato sulla sua pagina Facebook Nello Musumeci, presidente della Regione Siciliana.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Dagli sceneggiati alle serie TV

Mi sono avvicinato alla serialità televisiva negli anni 70, quando esisteva solo la Rai che trasmetteva con grande successo di ascolti, quelli che a quei tempi venivano chiamati sceneggiati tv
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin