Siciliani semu e, quindi, “Amunì, mòviti ddocu" :ilSicilia.it

A spasso con la lingua siciliana

Siciliani semu e, quindi, “Amunì, mòviti ddocu”

di
29 Maggio 2020

Siciliani semu e quella della nostra lingua è la storia dei popoli che l’hanno abitata, preferiamo questo termine al dominata in quanto figli di questo coacervo di culture che in alcuni fanno prevalere i caratteri arabi, in altri quelli normanni, in altri ancora quelli spagnoli e così via.

Il siciliano, lo diciamo “priati”, cioè “contenti“, non deriva dall’italiano ma, al pari di questo, direttamente dal latino volgare, costituendo, già nella prima metà del XIII secolo,  la prima lingua letteraria della nostra penisola nell’ambito della Scuola siciliana.

Anche l’UNESCO gli riconosce lo status di lingua madre e a noi quello di bilingue e, infatti, ai sensi della Carta europea per le lingue regionali e minoritarie, che all’articolo 1 afferma che per “lingue regionali o minoritarie si intendono le lingue che non sono dialetti della lingua ufficiale dello Stato“,  la nostra si smarca fortemente dall’essere considerato“vernacolo”. Alcuni studiosi asseriscono, inoltre, che il siciliano sia la più antica lingua romanza.

Infine, nel 2011 , l’Assemblea regionale siciliana ha approvato una legge che promuove il patrimonio linguistico e la letteratura siciliana nelle scuole.

Gaetano Basile

Amunì e Mòviti

Ci sono dei termini siciliani, anzi lo sono quasi tutti, tipo Amunì e Mòviti, oggi nostri protagonisti, che hanno una musicalità e una creatività che, derivandogli dai nostri progenitori, nella traduzione non rendono appieno. Per  l’esortazione “Amunì” la nostra Bibbia è il “Dizionario sentimentale della parlata sicilianadi Gaetano Basile, ambasciatore della nostra cultura, storico, scrittore e giornalista. Quante volte avrete sentito ripetervi: “Amunì”? Estrapolando dal libro la parte che ci interessa, compaiono diverse ipotesi: secondo la dottoressa Teresita Da Roca y Capell, studiosa di Barcellona, deriva dalla zona di Lleyda-Agramunt, comunità autonoma della Catalogna, dove si usa, ancora, amùnt, che si pronuncia amunì, con lo stesso significato siculo. L’insigne grecista e antichista ragusano, il Professore Gaetano Cosentini, afferma, invece, che derivi dal verbo greco àmino, scritto amuno, diventato in siciliano prima àmune e, poivisto il nostro amore nel dare enfasi all’ultima sillaba e alla vocale “i”rispetto alla “e”, in amunì.

Il suo significato ha, però, anche un’altra funzione, quella di galvanizzare, svegliare qualcuno dal suo torpore; immaginatelo, insomma, come una scossa linguistica. Il “Dizionario sentimentale della parlata siciliana” di Gaetano Basile, scherzoso e profondo come il suo autore, recita il suo amore per la nostra lingua con queste parole:

Dizionario sentimentale della parlata siciliana non ha scadenza e resiste a temperature superiori ai 30°. Può causare assuefazione. Non è soggetto a prescrizione medica e può essere somministrato ai minori di anni 16. Perché non dimentichino la loro lingua. Con quell’esprit de finezze che ci ha sempre distinti”.

La lingua Siciliana

La nostra passeggiata prosegue con “Moviti” o “Muovitiche, a seconda, dell’accento e della lentezza con cui si pronuncia può essere sinonimo di Amunì o cambiare radicalmente il suo significato. Se si ha fretta, con “Muoviti” detto fulmineamente inviterete il vostro interlocutore a darsi una mossa, ritornando allo sua funzione di di scuotimento; se, invece, con lentezza, facendo cadere l’accento sulla u di “Mùoviti” oppure sulla o di “Mòviti”, a seconda della provincia, e pronunciandolo doppio, “Mòviti, Mòviti ddocu“, cioè qua, diventa  meraviglioso ossimoro per dire “Mòviti fermu. Per farvi un esempio: se andate a far visita a delle zie, a dei nonni in là con gli anni, nei paesi, forse più delle città, se la conversazione è piacevole e l’atmosfera allegra, appena starete per andar via vi sentirete ripetere questa invocazione con cui vi si vuole convincere a “fermarvi natra anticchia”, un altro pochino, una dolce richiesta a cui non saprete, potrete e vorrete dire di no.

Chiudiamo con la summa: “Amunì, mòviti natra anticchia” e che il siciliano sia sempre con noi.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Credete che stiano dormendo?”

Non voglio ritornare a quel mondo malato, Io mi auguro di venirne fuori, quantomeno fisicamente, ma dovremmo fare un patto, un vero patto collettivo affinché si prenda insegnamento di tutto quanto ciò e si possa per una volta dire: “mai più!”. La riflessione di Epruno.
Balzebù
di Balzebù

M5S, la nuova spaccatura che sa di rottura definitiva del giocattolo

E’ cominciata molto prima del previsto la parabola discendente del Movimento 5 stelle. Probabilmente, non arriverà neanche alle prossime elezioni. Il disfacimento della creatura di Beppe Grillo è sotto gli occhi tutti. Ma nessuna sorpresa: un partito fondato soltanto sulla protesta non poteva avere un futuro

‘La caduta, eventi e protagonisti in Sicilia: 1972-1994’: l’analisi di Calogero Pumilia

Calogero Pumilia, per oltre vent’anni deputato democristiano, nel suo “La Caduta. Eventi e protagonisti in Sicilia 1972-1994“, in libreria in questi giorni, ci offre un contributo in questo senso regalandoci una lettura dal di dentro che consente di farci scoprire come molte leggende metropolitane, spacciate per verità storica, debbano essere riviste.
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin