12 Ottobre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 20.19
Palermo

indigna la morte del clochard Aldo

Sicurezza a Palermo, Gelarda: “In questa città si uccide per pochi spiccioli”

20 Dicembre 2018

“Palermo è una città violenta, dove si uccide per pochi euro, dove si percepisce un forte senso di insicurezza da parte dei cittadini. In questo quadro desolante, inutile giraci attorno, gli stranieri, extracomunitari e non, aggravano la situazione con un alto tasso di criminalità. A Ballarò, come in altre zone della città a forte concentrazione di stranieri. È necessario intervenire con fermezza, con la forza quando necessario”. Così Igor Gelarda, capogruppo della Lega in consiglio comunale a Palermo e responsabile regionale enti locali del partito guidato dal vicepremier e ministro dell’Interno, Matteo Salvini, commentando la notizia dell’arresto a Palermo del rumeno di 16 anni accusato di avere ucciso domenica notte Aid Abdellah, il clochard francese di 56 anni trovato morto sotto i portici di piazza Ungheria.

“Bisogna mettere da parte il buonismo una volta per tutte – aggiunge Gelardaquesto presunto assassino, in quanto minore, potrebbe avere una pena ridotta, poi potrebbe essere indirizzato verso un programma di rieducazione e, come prevede la legge, potrebbe essere per giunta inserito nel mondo del lavoro”.

“Tutto questo ha contorni paradossali – conclude Gelarda –  sarebbe più giusto, invece, potenziare i tribunali con nuovo personale, inasprire le leggi e ragionare su come potere fare processare i delinquenti stranieri nei loro paesi di origine”.

Tag:
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Redistribuzione dei migranti? l’Ue fa ciao ciao all’Italia

L'accordo di Malta sull’immigrazione che era stato salutato con toni trionfali da tutto l'asse del governo giallorosa, dal ministro dell'Interno Lamorgese, da Giuseppe Conte e dal Pd, è carta straccia o quasi. Il Consiglio europeo dei ministri degli Interni Ue che si è riunito a Lussemburgo non l'ha ratificato.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.