Sicurezza, Ingrassia: "Nessuna giustizia per i lavoratori uccisi dall'amianto" | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Palermo

La nota del presidente del Comitato Consultivo Provinciale Inail di Palermo

Sicurezza, Ingrassia: “Nessuna giustizia per i lavoratori uccisi dall’amianto”

di
2 Febbraio 2018

“Ancora una volta la morte per amianto di alcuni lavoratori rimane senza colpevoli. Per i cinque operai dipendenti delle Ferrovie dello Stato a Palermo, vittime dell’amianto tra il 2007 e il 2009, nessuno è responsabile; cosi ha stabilito a Palermo una sentenza del giudice monocratico”.

A dichiararlo è il Presidente del Comitato Consultivo Provinciale presso l’Inail di Palermo, Michelangelo Ingrassia, che commenta così il verdetto di qualche giorno fa: “Massimo rispetto per la sentenza e non mi permetto di entrare nel merito della vicenda processuale. Non posso fare a meno di notare, però, che ormai la maggior parte dei processi sull’amianto assassino di lavoratori, si conclude senza colpevoli. Rimangono solo le vittime e le loro famiglie a testimoniare il dramma e il dolore. È un dato statistico che evidenzia un probabile difetto nel meccanismo degli accertamenti, dove occorre decisamente intervenire”.

“Bisogna pur chiedersi come mai – prosegue Ingrassia – nonostante l’impegno delle istituzioni e la costante attenzione delle forze sociali, ci siano ancora troppe vittime dell’amianto, tutte da una parte sola e quasi sempre senza alcun responsabile. Lo dichiara Michelangelo Ingrassia, Presidente del Comitato Consultivo Provinciale presso l’Inail di Palermo”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin