23 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 11.38
Palermo

Venerdì 15 maggio

“Silenzio dell’Orso” di Sibilla Gambino sarà presentato alla libreria del Mediterraneo a Palermo

13 Giugno 2018

Al rientro dal Salone Internazionale del Libro di Torino, venerdi 15 maggio alle ore 18.30 a Palermo, nella nuova libreria del Mediterraneo di via Principe di Villafranca 48/a, sarà presentato il nuovo libro dell’autrice siciliana Sibilla Gambino dal titolo il Silenzio dell’Orso. Il libro, edito dall’editore siciliano Carlo Saladino, sarà illustrato ai partecipanti da Rosalba Alù che converil silenzio dell'orsoserà con l’autrice e i presenti.

Ve ne proponiamo un abstract: “c’è un attimo in cui, il destino, Dio, il caso – o una fotografia ritrovata – rimescolano le carte e incredibilmente cominci a perdere tutto, non ci sono più regole, arrivano i dubbi, stai per scivolare… Si polverizza la certezza del mondo che ti circonda, la certezza di quel divano messo lì in quel preciso punto del salotto, della scuola scelta per i figli, la certezza di chi hai accanto. Il caffé sul fuoco non esce più, la caffettiera sta per esplodere. È questo l’attimo che travolge Paola. Nell’ospedale di Rozzano assiste alla morte del padre. Il silenzio di quell’addio pietrifica anche il suo cuore. Ma la mente rimane lucida e ribelle. Non le importa di spegnere il fuoco, non le importa che la caffettiera esploda… per sopravvivere escogita un piano che si rivelerà diabolico“.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Per chi forse ha già dimenticato

“Dottore questa volta non ce l’ho fatta, non ho fatto storie, non ho permesso a loro di attaccarmi le lunghe maniche bianche dietro la schiena, non ho voluto fare il “bastian contrario” come sempre e ho preso la loro medicina. A che serviva ancora dire che non era giusto? E poi a chi? In quanti siamo rimasti? Mi sono dovuto prostrare come tutti, mi sono dovuto distrarre, avrei dovuto imparare ad essere più ipocrita, mi sarebbe bastato vendere il mio intelletto".
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Il ricordo di Falcone: un’occasione persa per una memoria condivisa

Oggi è una di quelle date che dovrebbe essere patrimonio di tutti e invece, il ricordo del giudice Giovanni Falcone, della moglie Francesca Morvillo, e degli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro, è diventato l'occasione per divisioni, distinguo, accuse, veleni, lenzuoli di protesta ai balconi e contromanifestazioni.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.