Simona Vicari: "Daremo una svolta di progresso alla Sicilia" :ilSicilia.it
Palermo

La senatrice di Alternativa Popolare

Simona Vicari: “Daremo una svolta di progresso alla Sicilia”

di
14 Ottobre 2017

Alternativa popolare si dimostra ancora una volta, specialmente in queste elezioni siciliane, una forza responsabile e capace di rappresentare una vasta parte della società civile”. Così la senatrice di Alternativa popolare Simona Vicari a margine della conferenza stampa con Angelino Alfano e Giovanni La Via a Palermo.

“Abbiamo saputo governare al meglio l’Italia – ha aggiunto Vicari – approvando una serie di riforme che il Paese attendeva da decenni. Allo stesso modo, grazie al supporto dei numerosi professionisti provenienti dalla cultura, dalla medicina, dall’avvocatura e dall’accademia che hanno aderito alla nostra proposta politica, sapremo imprimere una svolta di progresso alla Sicilia“.

“L’apporto dei moderati, come dimostrato su scala nazionale dall’approvazione della legge elettorale alla riforma del mercato del lavoroha concluso – è il perno attorno al quale sarà possibile ricostruire la rinascita del tessuto economico e sociale dei siciliani”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

La GiombOpinione

di Il Giomba

La “Maleducazione 2.0”

Se è vero che i tempi cambiano, anche le cattive abitudini educative diventano tecnologiche e "2.0": anche la maleudcazione, insomma, diventa "moderna"...

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Blog

di Renzo Botindari

Quella celestiale melodia in “LA”

Il presenzialismo non finalizzato ad alcuna crescita è una opportunità sprecata, ecco perché trovo piacere di ospitare chi sappia apprezzare il valore del “regalo”.
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin